Bookcrossing, condividere la passione per la lettura con gli altri anche a Bovolone.

Bookcrossing, l’esperienza della condivisione

Forse non tutti lo sanno che, anche a Bovolone, da prima del 2006 è presente la pratica del bookcrossing. Si tratta della volontà di voler donare al caso il proprio libro lasciandolo in un luogo qualsiasi. Tutti abbiamo un libro che ci piace particolarmente ed è anche bello poterlo donare ad altri.

Bookcrossing, come partecipare

Poter far parte del mondo del bookcrossing è molto semplice. Basterà andare sul sito ufficiale e seguire le facili indicazioni. Per prima cosa bisogna scegliere il libro che si vuole “rilasciare”. Si procede poi con la registrazione nel sito dove, per il libro scelto, il sistema assegnerà un numero univoco che dev’essere riportato sul libro tramite un etichetta o scritto a mano. Una volta attacata l’etichetta, che si potrà scegliere tra quelle proposte o crearne una, si procederà nel lasciare il libro su una panchina, su un treno, in un bar.

Leggi anche:  Ex stazione di Salionze tornerà a vivere

Un punto di riferimento a Bovolone

Non tutti sanno che a Bovolone e, nello specifico in Palazzo Corte Salvi, al primo piano, sulla sinistra, è presente uno scaffale dedicato a questa pratica. Si potranno infatti trovare tutti i libri che sono stati “liberati” e che si potranno leggere, per poi lasciarli in un altro punto del paese o dove vi consiglia il cuore.  Grazie al codice che si trova nel libro, chi lo trova può registrarne il ritrovamento e seguire il percorso dello stesso, potendo anche aggiungere un commento in modo che, chi lo ha rilasciato sappia dove si trova il libro