I ragazzi della scuola di Dossobuono di Villafranca Ni Sente Nashi hanno fatto man bassa di premi sabato e domenica 13 e 14 aprile al campionato di karate a Montecatini.

Ni Sente Nashi al campionato di karate

Nella manifestazione nazionale per ragazzi di karate fesik (federazione educativa sportiva italiana karate) erano 1370 gli atleti provenienti da tutta Italia, rappresentati da 102 società. La scuola Ni Sente Nashi ancora una volta ha ben figurato portando a casa 6 titoli italiani, 2 argenti, 3 bronzi e 4 medaglie in coppa italia. I 16 atleti in quel di Montecatini, grazie anche all’apporto dei genitori che hanno aiutato il maestro Augusto Caporali a fare da coach negli 8 tatami del Palaterme, hanno potuto competere con le migliori scuole d’Italia dove il livello sia in kumite che in kata era molto alto. Era presente alla manifestazione anche l’associazione Telefono Azzurro, dal 1987 in prima linea sulla prevenzione degli abusi sull’infanzia.

Gli atleti premiati

Ecco tutti i risultati dei nostri ragazzi al campionato di karate nel dettaglio.
Giorgia Masetti ha sbaragliato tutte nella categoria 9-10 anni, vincendo tutti e tre i titoli in palio per lei: campionessa italiana in kata, in kumite e in kata a squadre.
Nella categoria cinture nere 13-14 anni Mattia Tromba si è riconfermato campione d’Italia in kumite esaltandosi in una finale al cardiopalmo contro un atleta di elevato spessore. “Riconfermare il titolo anchequest’anno – dice il maestro – è notevole ed è frutto di tanto allenamento”.
Francesco Fattori ha conquistato il bronzo sovvertendo qualsiasi pronostico, dato che nonostante il suo impegno non era mai riuscito a primeggiare nelle gare di livello; Matteo Fruci invece, pur non esprimendosi al meglio, guadagna l’argento in coppa Italia. “Ragazzo talentuoso dall’infinito impegno” dice il suo maestro che è sicuro che con una maggiore fiducia potrà raggiungere i suoi sogni.
Maddalena Venturi si conferma al vertice nella sua categoria, infatti è la nuova campionessa italiana di kata 13-14 anni cinture verdi e argento nella finale in kumite. La squadra composta da lei, Paola Gualtieri e Giorgia Masetti è campione italiana di kata a squadre verdi. Paola Gualtieri è anche argento in kumite e oro in coppa Italia nel kata individuale.
Giovanni Petrin è campione italiano in kumite categoria gialle 11-12 anni, una vera forza della natura. Francesco Melotto, ragazzo in grado di esprimere con facilità i consigli del coach, è medaglia d’argento coppa Italia in kumite. Alex Melciu sfiora il titolo in finale di kumite cinture verdi 11-12 anni facendosi rimontare nel finale. Argento per lui, mentre Giacomo Cunego vince il bronzo.Gabriele Pesce, sempre sorridente tranne che sul tatami, non riesce a confermarsi campione d’Italia ma conquista il bronzo in coppa Italia di kumite nella categoria fino a cinture nere. Lorenzo Borolo centra la finale in kata. Davide Garbelli, Federico Orifici, Francesco Stramturean, Tommaso Piccinato non sono riusciti nel loro intento. Hanno avuto però un premio dal loro maestro per l’impegno e l’amicizia che liunisce.

Leggi anche:  Elia Viviani e il post commovente per Agnese Romelli

La filosofia della scuola in un incontro

L’obbiettivo primario della scuola rimane sempre la serenità nella crescita psicofisica dei ragazzi, la vittoria non deve diventare un’ossessione.
A tal proposito hanno organizzato una serata martedi 15 alle 20.45 al circolo anziani di Dossobuono cheverterà sull’agonismo in età scolastica, con il dottor Marco Rossi psicomotricista, psicologo ed esperto nella formazione degli insegnanti della scuola dell’infanzia e primaria e formatore sulla genitorialità.

Un po’ di dati

La scuola di karate Ni Sente Nashi svolge la propria attività a Dossobuono e a Villafranca. Tra le sue fila ci sono 150 atleti dai 4 ai 60 anni. I maestri sono Augusto Caporali e Romano Gamberoni, amici da sempre, che hanno iniziato la loro pratica di karate nel 1984 a Villafranca. Il maestro Gamberoni segue la parte del karate do, e cioè il karate inteso come arte marzialeinterna e difesa personale indirizzata agli adulti, mentre Caporali segue il settore giovanile.