Nel pomeriggio di ieri, i poliziotti delle Volanti della Questura scaligera hanno tratto in arresto un veronese per il reato di resistenza a Pubblico Ufficiale.

Sfreccia nel centro di Parona a 180 km/h

Intorno alle 2.00 della scorsa notte, durante la consueta attività di pattugliamento, in Via Mameli, la Volante di zona ha intercettato un’Audi A3 sfrecciare ad altissima velocità, incurante del semaforo rosso. Dopo l’inversione di marcia, in Via Ca’ di Cozzi, direzione Via Preare, la Volante è riuscita a raggiungere la macchina, che, nonostante l’intimazione dell’alt con i dispositivi luminosi e sonori accesi, ha accelerato ulteriormente raggiungendo anche dei picchi di 180 km/h nel centro abitato di Parona.

L’uomo alla guida era palesemente ubriaco

Dopo un lungo inseguimento, con diversi semafori rossi e contromano effettuati, l’autovettura
è stata definitivamente bloccata in Via Nassar. A bordo della stessa è stato identificato G.E., che, palesemente ubriaco, anche fuori dall’abitacolo, ha cercato di sottrarsi al controllo scagliandosi contro gli agenti intervenuti. Il fermato è un veronese del 77’, residente in Provincia e con a carico già precedenti penali per guida in stato d’ebrezza risalenti al 2003 e al 2006. Arrestato per resistenza a pubblico ufficiale, e contestualmente denunciato per guida in stato d’ebbrezza, è stato accompagnato in Questura per gli atti di rito in attesa della direttissima. Stamattina il Giudice, dopo la convalida dell’arresto, ha rinviato l’udienza a luglio.