Straordinaria partecipazione dei lavoratori della strutture della sanità privata del Veneto  allo sciopero indetto da FP CGIL – CISL FP e UIL FPL Veneto e al presidio di protesta per il mancato rinnovo del Contratto Nazionale di Lavoro. Il presidio si è tenuto ieri mattina davanti alla Casa di Cura privata Villa Salus di Mestre.

La protesta

Al grido “Vergogna: Subito il Contratto” rivolto agli imprenditori della sanità privata veneta, i lavoratori hanno sfogato davanti ai cancelli di Villa Salus, tutta la loro rabbia per una situazione che, oramai, dopo 12 anni di mancati rinnovi, ha del paradossale se rapportata ai profitti che in questi ultimi 10 anni la Regione Veneto ha garantito a questi imprenditori. Una giornata che, per i sindacati “ha segnato solo l’inizio di un percorso di mobilitazione regionale che non si fermerà fino alla sottoscrizione del rinnovo del Contratto Nazionale di Lavoro”.

TORNA ALLA HOMEPAGE