L’acqua, si sa, è un bene estremamente prezioso e sempre più persone sono attente allo stato di salute di fiumi e torrenti che scorrono lungo il territorio.

Acque maleodoranti

Proprio questa estrema sensibilità ha permesso ad alcuni cittadini di Arcole di scoprire lo scorso 28 ottobre che lungo il torrente che prende vita dalle acque del Fibbio, provenienti da Belfiore, e dal collettore che invece arriva da San Bonifacio, si sarebbero riversate anche acque di colore piuttosto scuro, i testimoni la definiscono “marrone”, e dal cattivo odore.

Acqua maleodorante in un fossato di Arcole

Forse una mancata depurazione

Questo canale, che si trova a sud del paese di Arcole, in località “Quarto”, verrebbe anche usato per l’irrigazione e, pertanto, la qualità delle acque sarebbe ancora più importante. Il dito sarebbe stato puntato contro il depuratore che si trova più a nord, che secondo molti non funzionerebbe come dovrebbe.