Acque Veronesi sopralluogo ai cantieri alle Crosare di Bovolone.

Acque Veronesi, le nuove infrastrutture

Sgravare la rete mista dall’apporto delle acque piovane, migliorando e adeguando al tempo stesso le infrastrutture fognarie. L’obiettivo dell’intervento di Acque Veronesi a Bovolone e, nello specifico, nella località Crosare, dove nel corso degli anni in presenza di precipitazioni di forte intensità i residenti e i commercianti della zona dovevano fare i conti con le criticità legate al problema allagamenti.

Il sopralluogo con le autorità

Stamattina, lunedì 4 marzo, Roberto Mantovanelli, presidente di Acque Veronesi, Mirko Corrà, consigliere di Acque Veronesi assieme ai tecnici e all’assessore Orfeo Pozzani, hanno fatto un sopralluogo per verificare l’avanzamento dei lavori. “L’estensione e l’adeguamento delle reti acquedottistiche e fognarie è una delle mission aziendali che sono state fissare nel piano interventi che, nel quadrienno 2018-2021 ci vedranno investire su tutto il territorio veronese oltre 15o milioni di euro. In questo caso il problema era dovuto all’insufficienza e alle vetustità della rete che andiamo a risolvere con questo secondo stralcio di lavori, che si completeranno entro aprile”, ha spigato Mantovanelli.

Leggi anche:  Altre cozze ritirate dal mercato: biotossine oltre i limiti ATTENZIONE

Dallo spostamento delle tubazioni del gas alla posa del collettore

L’intervento in corso riguarda la realizzazione di un nuovo collettore fognario e di due nuovi sfioratori interrati sulla rete mista già esistente, oltre alla posa di un collettore fognario e di due nuovi sfioratori interrati sulla rete mista già esistente, oltre all aposa del collettore scatolare lungo il canale Menagherro e l’estensione di circa 800 metri di sottoservizi. Ora è in corso la posa del nuovo collwttore che avrà un diametro di 1200 mm. Corrà ha spiegato: “Da sindaco so quanto è importante essere vicini a chi , tutti i giorni, amministra i territori e deve dare risposte ai propri cittadini, ringrazio il consiglio d’amministrazione che ha recepito l’importanza di un intervento necessario, attso dal territorio che porterà benefici a oltre 2mila cittadini”. Le nuove infrastrutture avranno un costo di oltre 1 milione di euro.