Adeguate e potenziate le reti acquedottistiche dell’intero paese. Acque Veronesi interviene a Nogarole Rocca con un cantiere da oltre 1 milione di euro per infrastrutture moderne e sempre più efficienti.

 Servizio idrico del paese

Circa 1 milione e 200 mila è la considerevole cifra investita da Acque Veronesi che porterà importanti benefici e migliorie infrastrutturali per l’intera gestione del servizio idrico a Nogarole Rocca e nel limitrofo Comune di Trevenzuolo. I consiglieri di amministrazione dell’azienda  Mirko Corrà Paola Briani, insieme al primo cittadino di Nogarole, Paolo Tovo e al suo vice Luca Trentin, hanno presentato questa mattina, martedì 9 ottobre, alla stampa l’avvio dei lavori di adeguamento e potenziamento delle reti acquedottistiche nel comune dell’ovest veronese.

Ottimizzazione degli impianti

Il progetto, realizzato dalla società consortile che gestisce il servizio idrico integrato in 77 Comuni della provincia scaligera, prevede l’ottimizzazione degli impianti di potabilizzazione a servizio delle reti di distribuzione della zona, con l’obiettivo di apportare un netto miglioramento alla filiera della distribuzione e alla gestione idrica in termini di affidabilità ed efficienza del servizio. Saranno potenziati e riammodernati gli attuali siti di approvvigionamento denominati “Nogarole Rocca Nord” e “Nogarole Rocca Sud”.

Nuova generazione performante

I vecchi sistemi di potabilizzazione in uso nei due siti saranno quindi sostituiti da filiere impiantistiche e da apparecchiature di nuova generazione e tecnologicamente avanzate e performanti: dai trattamenti di preossidazione con ozono, al dosaggio di cloruro ferrico per la precipitazione chimica dell’arsenico, all’utilizzo di filtri rapidi a carboni attivi granulari, fino alla disinfezione finale con ipoclorito di sodio. L’intervento in oggetto segue di qualche anno altre importanti opere realizzate da Acque Veronesi nel territorio nogarolese.

Tra il 2012 ed il 2015 la società di lungadige Galtarossa ha infatti operato investimenti per circa 2 milioni e 500 mila euro. Sono state apportate notevoli migliorie al sistema depurativo-fognario del paese, estendendo, potenziando e realizzando ex novo sottoservizi in interi quartieri che ne erano sprovvisti ed è stato costruito un impianto di depurazione da 4000 abitanti equivalenti nella frazione di Pradelle.

Leggi anche:  Diventare sommelier, nei corsi AIS Veneto anche un kit con gli aromi

Lavori in partenza

“Un’opera da oltre 1 milione di euro che migliorerà notevolmente gli impianti e l’efficienza del servizio con vantaggi anche in termini di qualità e sicurezza dell’acqua erogata – hanno commentato i consiglieri Corrà Briani – I lavori partiranno in questi giorni e dureranno 4 mesi. Un intervento particolarmente importante, sia per l’entità della cifra investita, sia per l’ampiezza del territorio e per il numero di utenti che ne beneficeranno, circa 2700. Continua così il piano di riammodernamento ed efficientamento delle infrastrutture che vedrà Acque Veronesi nei prossimi mesi impegnata in tutto il territorio provinciale”.

Investimenti importanti

Soddisfazione per l’avvio del cantiere è stata espressa dal sindaco Trentin: “Gli investimenti previsti da Acque Veronesi sono molto importanti per il mantenimento di un alta qualità dell’acqua destinata alle nostre case. L’acqua è un bene primario essenziale e l’amministrazione comunale ringrazia i vertici della società per l’impegno concreto dimostrato e rinnova la disponibilità ad una collaborazione orientata a garantire anche in futuro servizi efficienti a favore dei nostri cittadini”.