Afa estiva, il Veneto dichiara lo stato di allarme. Attivi i numeri verdi per le emergenze.

Allarme climatico

A fronte delle previsioni contenute nel Bollettino del disagio fisico e della qualità dell’aria per la Regione emesso dal centro meteorologico Arpav, da oggi a venerdì 10 agosto viene dichiarato lo stato di allarme climatico nelle zone costiera, pianeggiante continentale e pedemontana del Veneto.

Numeri da chiamare

In caso di problemi causati dall’ondata di afa estiva, è possibile contattare il numero verde 800462340 collegato al Servizio Telesoccorso e Telecontrollo. Per la segnalazione di eventuali emergenze di competenza della Protezione civile è invece attivo il numero 800990009.  Le elevate temperature di questi giorni, unite al tasso di umidità, presentano infatti un pericolo per la salute di tutti, ma in particolare sono anziani e bambini i soggetti più a rischio e per i quali si raccomanda maggiore attenzione.

Suggerimenti e consigli

Il Comune di Verona mette a disposizione suggerimenti e consigli, contenuti nell’opuscolo Estate anziani” pubblicato sul sito www.comune.verona.it e diffuso nei centri d’incontro, nelle Circoscrizioni, nelle sedi anagrafiche, all’URP e nelle farmacie. Per tutte le informazioni è possibile contattare lo Sportello Integrato Informativo del sociale al numero 800085570.

Leggi anche:  Il futuro della scuola si discute in Gran Guardia

Per contrastare il caldo non svolgere attività fisica dalle 11 alle 18 e indossare abiti in lino o cotone. Nelle ore più calde, se si è all’esterno coprirsi con un cappello e degli occhiali e utilizzare una crema solare ad alto fattore protettivo per evitare scottature rischiose. Chiudere e schermare le finestre esposte al sole durante il giorno con tapparelle, tende o persiane; regolare l’aria condizionata, se possibile, tra i 25 e i 27 gradi per evitare forti sbalzi climatici.  Fondamentale mantenersi idratati bevendo molto e mangiando leggero, diminuendo l’assunzione di bibite gassate o troppo fredde e optando per frutta e verdura. Si raccomanda inoltre di abbassare i finestrini e utilizzare la climatizzazione nelle auto rimaste parcheggiate al sole.  Fare molta attenzione anche alla modalità di conservazione dei farmaci e non assumere integratori salini o modificare le terapie senza aver consultato il medico.  In caso di mal di testa per esposizione solare, bagnarsi il capo con acqua fresca per abbassare la temperatura.