Anche a Salizzole arriva la banda internet ultra larga. Sono diciassette i Comuni veneti nei quali, tra aprile e maggio, è prevista l’apertura di cantieri per portare l’infrastruttura che permette la connessione veloce.

Anche a Salizzole arriva la banda internet ultra larga

Sono diciassette i Comuni veneti nei quali, tra aprile e maggio, è prevista l’apertura di cantieri per portare l’infrastruttura che permette la connessione con banda ultra larga. Cantieri che si aggiungono agli ottantotto già avviati. “Noi qui in Veneto – sottolinea l’assessore regionale allo sviluppo economico – stiamo facendo l’impossibile per dare risposte al territorio, per dare infrastrutturazione digitale alle nostre aziende e alle nostre abitazioni. Confido nell’interessamento del Ministero dello Sviluppo Economico perché risolva le questioni che stanno drammaticamente rallentando la realizzazione di questo grande progetto”.

Tra poco lavori anche a Salizzole

In tre Comuni Badia Polesine (Rovigo) Sovizzo (VI) e Torreglia (PD) i lavori sono già stati avviati nei giorni scorsi, a breve partiranno a Salizzole (VR), Casalserugo (PD), Comelico Superiore (BL) e Rovolon (PD). A maggio è previsto l’avvio dei lavori in dieci Comuni. Si tratta di Asigliano Veneto (VI), Bagnolo di Po (RO), Roncade (TV) e Santa Giustina (BL); Carceri, Montagnana, e Ospedaletto Euganeo in provincia di Padova; ed infine, ad Arcugnano, Mossano e Villaverla in provincia di Vicenza.

Leggi anche:  Minerbeat, arrivano i “The Bastard Sons of Dioniso”

Connessione fino a 100 mbps

“Ciò dimostra concretamente – precisa l’assessore – che il nostro impegno per estendere la banda ultra larga in tutto il territorio veneto è massimo. Estendere le infrastrutture digitali significa dare alle imprese e ai cittadini strumenti essenziali alle attività di ciascuno di noi”. Il piano di sviluppo della Banda Ultra Larga in Veneto riguarda tutti i Comuni del territorio regionale e prevede la realizzazione di un’infrastruttura pubblica abilitante l’offerta di servizi a 30 e a 100 Mbps in tutte le cosiddette “aree bianche”, vale a dire quelle aree a fallimento di mercato che, al momento, sono sprovviste della connessione adeguata. Il piano vede fortemente impegnata la Regione Veneto ed il Ministero dello Sviluppo Economico che, complessivamente, hanno messo a disposizione circa 400 milioni di euro per gli interventi sul territorio regionale, dimostrando grande sensibilità verso cittadini e imprese, nel facilitare loro l’accesso alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.