Questa sera a Villafranca un incontro per genitori ed educatori per parlare di anoressia e bulimia.

Anoressia e bulimia, un incontro a Villafranca

L’associazione La crisalide Lilla di Verona propone oggi, mercoledì 5 dicembre, all’auditorium di Villafranca, l’appuntamento dal titolo “Biancaneve e la mela avvelenata”.

I disturbi del comportamento alimentare

Sarà un’importante occasione di informazione per tutti coloro che hanno a che fare con giovani e non solo, affetti dal problema dei disturbi del comportamento alimentare. Come riportato sul sito dell’associazione La crisalide lilla, “i Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA), recentemente definiti Disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione (DNA), sono psicopatologie caratterizzate da un’alterazione delle abitudini alimentari e da un’eccessiva preoccupazione per il peso e le forme del corpo. Insorgono prevalentemente durante l’adolescenza e colpiscono soprattutto il genere femminile (F:M = 10:1). Secondo le stime ufficiali, il 95,9% delle persone colpite dai disturbi alimentari sono donne. Si tratta di gravi disturbi associati ad un elevato rischio di mortalità ed elevata compromissione della qualità di vita. Soffrire di un disturbo dell’alimentazione sconvolge la vita di una persona e ne limita le sue capacità relazionali, lavorative e sociali”.

Leggi anche:  Giornata contro la violenza sulle donne, l'iniziativa degli studenti dell'accademia di belle arti

L’appuntamento è alle 20.30 in piazza San Francesco, 1.

La parola all’esperta

Relatrice dell’incontro sarà la dottoressa Roberta Siani, psicoterapeuta e professore a contratto dell’Università degli studi di Verona. La crisalide lilla di Verona è un’associazione di famigliari di persone affette da disturbi del comportamento alimentare che nasce dalla necessità dei famigliari di condividere con altri il proprio dolore, per trovare insieme un modo di dargli un senso, trasformarlo pian piano in speranza e poi in certezza che di Disturbi del Comportamento Alimentare si può guarire.

Per fare questo i famigliari hanno pensato di creare un gruppo di auto-mutuo-aiuto e di mettersi a disposizione, tramite il servizio di sportello, per tutti coloro che hanno bisogno di essere ascoltati e indirizzati sui problemi legati ai disturbi del comportamento alimentare.