Apertura straordinaria dell’ossario. In occasione dell’evento “Un blues di pace” di metà luglio l’apertura verrà prolungata su prenotazione.

Ossario e corte Cavalchina

A poca distanza l’uno dall’altra e reciprocamente visibili, Ossario e corte Cavalchina sono legati da un sottile filo conduttore che li collega nello spazio e nel tempo, mettendo in comunicazione gli eventi e i destini di molti uomini che combatterono a Custoza durante le Guerre d’Indipendenza.

La storia

Alla Cavalchina morirono, tra gli altri, i granatieri Stefano Messaggi e Luigi Giordanelli, i cui resti sono ora ospitati all’interno della cripta dell’Ossario e, sul muro esterno della corte, esiste ancora una lapide che ricorda il sacrificio di Messaggi, reduce garibaldino, caduto il 24 giugno del 1866 durante i combattimenti della 3^ Guerra d’Indipendenza. Da luogo di guerra, la Cavalchina, nel tempo, si è trasformata in quello che è oggi, anche grazie all’importante iniziativa del Blues di Pace, ovvero un luogo di armonia e conciliazione. Allo stesso modo la memoria conservata dall’Ossario, vuole essere il mezzo, per l’analisi e la comprensione del nostro passato allo scopo di capire le problematiche e i conflitti attuali e tentare di risolverli.

Leggi anche:  Il tuo settimanale ti regala GIOCHI IN ESTATE

L’apertura straordinaria

Il 13, 14 e 15 luglio, l’Ossario sarà, quindi, aperto dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18.30 con le normali modalità di ingresso esplicitate sul nostro sito: www.ossariodicustoza.com. Dalle 18.30 alle 20, solo su prenotazione, è possibile visitare l’area monumentale accompagnati dalla guida che illustrerà la storia del sacrario e i nuovi spazi espositivi, con un piccolo approfondimento sull’episodio della Bandiera di Oliosi a cui è dedicata la mostra temporanea nell’ex Casa del Custode. Le visite guidate, che si terranno al prezzo speciale di 3 euro, comprensivo di ingresso e spiegazione, partiranno alle 18.30 e alle 19.15 con il raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Info e contatti

Per le prenotazioni potete chiamare il numero 346 96 52 147 negli orari di apertura dell’Ossario o scrivere a info@ossariodicustoza.com entro le 12.30 di venerdì 13 luglio. Per dettagli sui prezzi ordinari di ingresso e delle visite guidate vi invitiamo a consultare il sito www.ossariodicustoza.com.