Bando della Regione Veneto per impianti fotovoltaici

Buone notizie per tutti coloro che hanno un impianto fotovoltaico o hanno intenzione di installarne uno con accumulo quest’anno.
La giunta regionale, su proposta dell’assessore allo sviluppo economico ed energia Roberto Marcato, ha infatti approvato il “Bando di incentivazione dei sistemi di accumulo di energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici”, che mette a disposizione 2 milioni di euro per quei cittadini che investono in energia pulita, contenendo il consumo energetico.

In linea con il Piano Energetico Regionale sulle Fonti Rinnovabili, Risparmio ed Efficienza Energetici (PERFER), adottato dal Consiglio Regionale nel 2017, il provvedimento è stato adottato nell’ottica di favorire iniziative che prevedano l’uso razionale dell’energia, la riduzione dei consumi energetici e lo sviluppo sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili. Nel dettaglio, si prevede l’assegnazione di un contributo a fondo perduto, con un importo massimo concedibile pari a 3.000 euro e variabile fino al 50% delle spese sostenute per l’acquisto e l’installazione di un sistema di accumulo a servizio di un impianto fotovoltaico di utenza domestica. L’intervento dovrà essere realizzato nel 2019 e le spese dovranno essere sostenute a decorrere dal 1 gennaio 2019; gli interventi dovranno, inoltre, essere realizzati e rendicontati entro il 13 dicembre 2019. Il contributo è concesso mediante una procedura a sportello per via telematica (SIU). Tale procedura prevede un accreditamento online, che sarà possibile dalle ore 9 del 24 giugno alle ore 15 del 25 luglio e la successiva presentazione della domanda, aperta sempre online dalle ore 9 dell’8 luglio alle ore 15 del 31 luglio.

Leggi anche:  Via Pontida messa in sicurezza dopo il danneggiamento a Verona

La domanda di partecipazione potrà essere presentata esclusivamente da privati cittadini che sono titolari, o che saranno titolari di un impianto fotovoltaico installato su edifici o a terra nel territorio della Regione del Veneto per l’acquisto e installazione di un sistema di accumulo, così come definito nel bando, di energia elettrica prodotta dal medesimo impianto fotovoltaico. Inoltre, la domanda potrà essere presentata esclusivamente dal soggetto titolare dell’impianto fotovoltaico che ha sostenuto o sosterrà la spesa per l’acquisto e installazione del sistema di accumulo e sia, quindi, intestatario delle relative fatture e bonifici di pagamento.

Secondo Leonardo Sandri, presidente degli elettricisti di Confartigianato Imprese Vicenza, “lo strumento incentivante sarà sicuramente un’utile aiuto al settore del fotovoltaico nell’ottica dello sviluppo dei sistemi di accumulo di energia; molte persone che erano incerte sull’installazione, con questo contributo a fondo perduto molto probabilmente si decideranno all’acquisto. Il settore del fotovoltaico e in particolare dei sistemi di accumulo dell’energia elettrica è in fortissimo sviluppo, ricco di soluzioni innovative con costi che sono drasticamente diminuiti rispetto a pochi anni fa. È necessario però avere maestranze sempre più qualificate e attente alle esigenze del cliente”.