Cuochi Scaligeri di Verona, triplicati gli iscritti. Corsi di formazione, esperienze, confronto e molto altro. Un successo che verrà festeggiato alla fiera del Riso.

Triplicate le iscrizioni

Oltre 300 iscritti, più che triplicati in un solo anno, con un incremento che è il secondo più alto tra quelli registrati in tutte le province italiane. Questi sono i dati dell’Associazione Cuochi Scaligeri di Verona, sodalizio appartenente alla Federazione Italiana Cuochi.

Festeggiamenti

Una crescita senza precedenti che gli chef veronesi festeggeranno la sera del 2 ottobre alla Fiera del Riso di Isola della Scala, in occasione della cena per le premiazioni del concorso nazionale “Chicco d’oro”, dedicato al risotto italiano.

Nel solo 2017 i soci hanno partecipato ad oltre 20 eventi. Tra i principali senz’altro Vinitaly e la stessa Fiera del Riso.

E le richieste della loro presenza ai fornelli, anche in virtù della medaglia d’argento conquistata dal team scaligero ai campionati di cucina a Rimini di quest’anno, sono in continua crescita. Successi nazionali di un’Associazione fortemente legata al territorio, dalla Lessinia alla pianura, come dimostrano i concorsi gastronomici che promuove: il Chicco D’Oro nella terra del riso, il Fungo D’oro e il Rocco Grill, entrambi a Roverè.

Leggi anche:  Gam Verona: "Un fantastico autunno in galleria"

Corsi

Tanti poi i corsi di cucina e quelli di formazione organizzati negli ultimi 20 mesi e gli eventi che li hanno visti impegnati in cucina per beneficenza o per alcune importanti aziende del food e della ristorazione.

Felicità e orgoglio

“Festeggeremo un anno fantastico la sera del due ottobre al ristorante della Fiera del Riso in occasione del concorso nazionale Chicco D’oro – spiega Paolo Forgia, chef, docente di cucina e Presidente dell’Associazione -. L’evento, a posti limitati, è aperto al pubblico e per l’occasione prepareremo una cena che è un omaggio alla grande cucina scaligera. Sono davvero contento del gruppo che abbiamo creato. Siamo cresciuti insieme, in numero e in qualità. Lavorare poi con i propri colleghi è una formazione continua senza pari. Si impara, si creano amicizie ed occasioni di lavoro. La cucina veronese è in ottima salute e lo sviluppo verticale della nostra associazione ne è la dimostrazione”.