Depuratore Vangadizza al via il potenziamento

Depuratore Vangadizza, i lavori di Acque Veronesi

Maggiori tutele e sicurezza per l’ambiente grazie ad un servizio migliore che andrà ad ottimizzare e potenziare il sistema fognario di una vasta zona della pianura veronese. Questi in sintesi i principali vantaggi relativi ai lavori di adeguamento al depuratore di Vangadizza nel Comune di Legnago.

L’intervento finirà a fine mese

L’intervento, realizzato da Acque Veronesi, ha preso il via nelle scorse settimane e si concluderà entro la fine del mese di dicembre. Il progetto ha la finalità di adeguare a livello funzionale e tecnico l’impianto di depurazione legnaghese sito in via Pilastrina, in località Vangadizza. Una struttura che serve circa 40 mila abitanti equivalenti e che presentava alcune criticità relative al passaggio del tempo e alla sottodimensione. Criticità ora risolte grazie al progetto di ammodernamento e potenziamento della società consortile che gestisce il servizio idrico integrato in 77 Comuni della provincia scaligera. Nello specifico i lavori hanno riguardato la realizzazione di un nuovo comparto di dissabbiatura dei reflui in ingresso all’impianto, ed il potenziamento dell’attuale stazione di ricezione dei rifiuti liquidi derivanti da attività di manutenzione ed espurgo delle reti fognarie della zona.

Leggi anche:  Renato Bosco di nuovo ospite a La Prova del Cuoco

Nuovi sistemi di misura

Sono stati introdotti inoltre nuovi strumenti di misura e nuovi sistemi di telecontrollo utili a semplificare e migliorare la gestione complessiva dell’impianto, oltre la sostituzione di alcune attrezzature ormai usurate. “L’obiettivo è quello di ridurre gli impatti ambientali, migliorando l’efficienza e la capacità gestionale dell’impianto – ha commentato il presidente di Acque Veronesi Roberto Mantovanelli – Un intervento dal costo complessivo di circa 400 mila euro, che garantirà da un lato infrastrutture moderne e funzionali, dall’altro porterà notevoli benefici di carattere igienico per tutto il territorio di Legnago”.