Dolci tradizionali veronesi. I maestri pasticceri del territorio presentano le dolci tradizioni di Verona. Il 22 e il 23 novembre, dalle 16 alle 19, presentazioni e degustazioni gratuite nelle pasticcerie aderenti in tutta la Provincia.

I dolci della tradizione

Baci di Giulietta e Romeo, Nadalìn, Pandoro, Sfogliatine al Recioto della Valpolicella, sono solo alcune delle specialità di alta pasticceria artigianale, tutte con profondi legami con il territorio veronese, che giovedì 22 e venerdì 23 novembre, saranno presentate e potranno essere degustate nelle pasticcerie di Verona e provincia.

“Dolci Tradizioni Veronesi”, questa l’iniziativa organizzata da Confartigianato Verona, con il contributo di EBAV (Ente Bilaterale Artigianato Veneto), per valorizzare e promuovere la qualità dei prodotti dell’alta pasticceria scaligera, attraverso due giorni di accoglienza e degustazioni gratuite guidate. Clienti e visitatori, dalle 16.00 alle 19.00 del 22 e 23 novembre, verranno accolti nelle sale delle 14 pasticcerie aderenti all’iniziativa e accompagnati dai Maestri artigiani alla scoperta delle particolarità che rendono uniche le loro creazioni.

Alta pasticceria artigiana

“I nostri pasticceri – spiega Andrea Bissoli, Presidente di Confartigianato Verona – accoglieranno i consumatori in un corner adibito per l’occasione e li inviteranno a scoprire la qualità dei dolci veronesi legati alla tradizione e alle ricorrenze di fine anno. Gli ospiti avranno modo di scoprire la qualità dell’alta pasticceria artigiana, ovvero il risultato finale di un’attenta scelta delle materie prime, delle tecniche di lavorazione, della passione, della dedizione e del patrimonio di conoscenze legate alla cultura e alla storia del nostro territorio”.

Una grande passione

“Invitiamo tutti i cittadini veronesi e i turisti – aggiunge Alessandro De Rossi, pasticcere associato a Confartigianato e tra i coordinatori dell’iniziativa – ad individuare il logo ‘Dolci Tradizioni Veronesi’ nelle vetrine e negli spazi espositivi delle pasticcerie e a chiedere di prendere parte alla degustazione. Noi pasticceri metteremo a loro disposizione la nostra passione, competenza e professionalità per illustrare e far assaggiare tutte le creazioni dolciarie della tradizione veronese. Oltre ai più noti Pandoro e Nadalìn, infatti, saranno presentati i Baci di Otello, i Baci di Giulietta e Romeo, le Ciambelle del nonno, le Frolline di Santa Lucia, i Grissini di mais, il Mandorlato, i Puòti, la Torta di Rose, la Torta Russa, la Sbrisolona, le Sfogliatine al Recioto della Valpolicella e molto altro”.

Leggi anche:  Ufficio Tributi di Verona racchiuso in un'App

Dodici pasticcerie all’opera

Dodici le pasticcerie dove apprezzare le “Dolci Tradizioni Veronesi”, con quattordici punti vendita, tra città e provincia: Pasticceria Alessia, a Bussolengo e Pescantina; Pasticceria Battini, in Borgo Venezia; Pasticceria Busato ad Isola della Scala; Pasticceria Roma, in Borgo Roma; Pasticceria Dall’Omo, a Santa Lucia; Pasticceria De Rossi, nel Quartiere Stadio e in Corso Porta Borsari; Pasticceria Gragnato a Castel d’Azzano; Pasticceria Manfrin a Ronco all’Adige; Pasticceria Perlini Comba, a Tombetta; Pasticceria Perlini Venturi, in Borgo Santa Croce; Pasticceria Rossini, a Santa Maria di Negrar; Pasticceria Tosi a San Martino Buon Albergo.

Prodotti in degustazione e indirizzi delle pasticcerie sono individuabili sul sito dolcitradizioniveronesi.it, grazie alla guida dettagliata di una mappa, consultabile da mobile, che indica con precisione le diverse location. Il progetto di promozione dei prodotti tradizionali di alta pasticceria scaligera, voluto da Confartigianato Verona, con il contributo di Ebav, è realizzato con il supporto di Upa Servizi Srl; la sponsorizzazione di Intesa San Paolo e Cesarin Spa, azienda veronese di semilavorati per pasticceria, gelateria e industria dolciaria, e la partnership tecnica dell’associazione Pasticcerie d’Elite.