Il concerto si è tenuto domenica 14 luglio. L’evento in occasione delle celebrazioni per il 160° anniversario del Trattato di Pace di Villafranca e per il 20° anniversario della riorganizzazione del 3° Stormo.

Fanfara in concerto al castello di Villafranca per il 3° Stormo

Domenica 14 luglio, alle ore 21, le note della Marcia d’Ordinanza dell’Aeronautica Militare hanno dato inizio al concerto eseguito dalla Fanfara della 1^ Regione Aerea in occasione del 160° anniversario del Trattato di Pace di Villafranca e del 20° anniversario della riorganizzazione ordinativa del 3° Stormo nella suggestiva cornice del Castello Scaligero. L’esibizione è avvenuta alla presenza del Comandante del 3° Stormo e del Presidio Aeronautico di Verona, Colonnello Francesco De Simone, del Sindaco della Città, Roberto Dall’Oca, delle autorità istituzionali locali e di una folta ed entusiasta rappresentanza della cittadinanza.

L’esibizione della Fanfara

La Fanfara, diretta dal Primo Luogotenente Orchestrale Maestro Antonio Macciomei, ha eseguito un vasto repertorio con composizioni di Giuseppe Verdi, dal Valzer brillante noto come motivo centrale del celebre ballo de Il Gattopardo al Nabucco, e di altri autori di epoca risorgimentale, tra i quali Vincenzo Bellini e Gaetano Donizetti. Un riadattamento del “Silenzio fuori ordinanza” ha emozionato il pubblico prima dell’ascolto di un medley di famose colonne sonore tratte da alcuni capolavori della cinematografia, quali Amarcord, 8 e mezzo e La dolce vita, e di un momento dedicato al ricordo di un grande cantautore italiano, Fabrizio de Andrè. Il concerto della Fanfara, al di là dell’aspetto artistico, è stato l’atto conclusivo dei festeggiamenti organizzati dal Comune di Villafranca in occasione del 160° anniversario del Trattato stipulato tra Napoleone III e l’Imperatore d’Austria Francesco Giuseppe proprio tra le mura della città e che pose fine alla Seconda Guerra d’Indipendenza.

20 anni dalla nascita del 3° Stormo

L’evento è stato altresì un modo per sottolineare la ricorrenza del 20° anniversario della trasformazione del 3° Stormo da reparto di volo a ente deputato a esprimere la propria peculiarità ed eccellenza nel campo della logistica di proiezione. Ma la serata è stata soprattutto un ulteriore momento per suggellare il legame simbiotico che unisce il 3° Stormo, e l’Aeronautica Militare, al territorio e alla cittadinanza di Villafranca di Verona. “É ormai più di mezzo secolo che il 3° Stormo è presente in questa comunità, ne è parte integrante e la vive quotidianamente e pertanto non poteva mancare alle celebrazioni di un evento che sottolinea la sua identità civica e la nostra identità nazionale” sono state le parole che il Colonnello De Simone ha pronunciato nel suo indirizzo di saluto. Stesso concetto, di amicizia e reciproca stima, espresso anche dal Sindaco della Città. Nata con lo scopo di dar lustro alle varie cerimonie di Forza Armata alla presenza delle più alte cariche dello Stato, la Fanfara ha dimostrato nel corso degli anni una sempre più alta valenza artistica come Orchestra di Fiati, riscuotendo ovunque enorme successo di pubblico e critica, con esibizioni anche a favori di Associazioni ONLUS e enti umanitari, contribuendo con la professionalità e umanità che la contraddistingue a stabilire un contatto tra la realtà militare e quella civile, e a supportare le persone bisognose con momenti di serenità che solo la musica riesce a trasmettere. Posto alle dipendenze del Servizio dei Supporti del Comando Logistico dell’Aeronautica Militare, il 3° Stormo è il reparto della Forza Armata che esprime “capacità logistiche di proiezione” attraverso l’impiego di tecnologie e mezzi dal carattere cosiddetto “duale”, ovvero impiegabili sia per scopi militari sia per esigenze civili, utili alla collettività nazionale, in caso di grandi eventi e calamità.

Leggi anche:  Green Hill cerca acquirenti, in vendita l’allevamento lager