Può un quadro dipinto cento o più anni fa essere attuale? E può, uno studente di oggi, sentirsi coinvolto da un’opera d’arte molto distante nel tempo e nel gusto estetico? La risposta è sì, ed arriva forte e chiara dall’Istituto superiore “Stefani-Bentegodi” di Isola della Scala.

La presentazione della mostra “Femmes”

Venerdì 1 marzo, infatti, presso l’aula magna dell’istituto, si è svolta la presentazione della mostra fotografica permanente “Femmes”, dove alcuni grandi quadri della storia dell’arte, dalla “Gioconda” alla “Ragazza con l’orecchino di perla”, sono stati rivisitati mantenendo la struttura originale del dipinto ma cambiando il soggetto, sostituito con l’immagine delle allieve della classe 1SI del corso serale.

La didattica della storia dell’arte in modo innovativo

A spiegare l’importanza di questa attività didattica è stata la curatrice della mostra, la prof.ssa di storia dell’arte Tiziana Gemi, che ha affermato: “Abbiamo voluto riproporre non solo i quadri ma anche i gesti, le pose, le acconciature e i costumi dell’epoca perché gli studenti comprendano che la storia dell’arte non è una disciplina distante dai loro interessi. Attraverso il loro coinvolgimento diretto hanno toccato con mano che loro stessi possono essere protagonisti di ciò che studiano”. Il lavoro di interpretazione dei quadri è stato affidato alla prof.ssa Alice Baraldo, che ha organizzato il set fotografico con i fotografi Bruno Zanolli e Anna Maria Rizzi, studiando le pose più simili possibili rispetto ai soggetti dei quadri.  Fondamentale, per la realizzazione concreta della riproposizione delle opere sotto forma di tableaux vivants è stato il prof. Dario Franco, che attraverso un paziente e certosino lavoro di compositing, grazie anche al prezioso aiuto di Photoshop, ha reso possibile l’unione delle fotografie con i quadri, fondendoli tra loro e ricavandone una nuova opera.

Leggi anche:  Olimpiadi Milano - Cortina 2026: una vittoria italiana

Una mattinata con protagonista la donna

La mattinata è terminata con la lettura di alcune bellissime poesie sulla donna, da parte di alcune studentesse dell’istituto, scelte dalla prof.ssa Luisa Zambotto, che ha collaborato attivamente al progetto anche nella realizzazione delle scene.

Leonardo da Vinci, “Monna Lisa” o la “Gioconda”

Amedeo Modigliani, “Ritratto di Jeanne Hébuterne”

Gustav Klimt, “Dama con ventaglio”

Jan Vermeer, “Ragazza col turbante” o “Ragazza con l’orecchino di perla”

Pablo Picasso, “Ritratto di Dora Maar”

Tamara de Lempicka, “Ragazza in verde”

Alfons Mucha, “Le pietre preziose – Lo Smeraldo”

 

Angelica Kauffmann, “Le tre cantanti”

Edward Burne-Jones, “The Garden Court”