Torna come ogni anno la Festa della Renga di Parona (Verona), la manifestazione che chiude il carnevale veronese, in programma mercoledì 6 marzo. Partner dell’evento è l’olio extra vergine d’oliva Turri.

La Festa della Renga

La Festa della Renga, arrivata alla sua 51esima edizione, coincide con il mercoledì delle ceneri e con la chiusura dei festeggiamenti del Carnevale di Verona, uno dei più antichi d’Europa. La manifestazione ha origini antiche e ricorda i tempi in cui l’Adige era navigato dai burchi, che nei giorni di festa erano costretti a sostare nel porto di Parona a causa della chiusura doganale. I barcaioli quindi si fermavano nelle locande del luogo chiedendo alle parone (le locandiere) di cucinare le aringhe che trasportavano nelle imbarcazioni. Chi non poteva pagare con i soldi poteva lasciare alla locanda una cassetta di pesce. L’aringa, pesce estremamante saporito ed economico, veniva generalmente consumata secca e affumicata. Nelle case più povere veniva appesa al soffitto per essere sfregata sopra la polenta, donandole sapore.

Leggi anche:  Ferragosto senza la Escort

Il programma completo

Il 6 marzo i chioschi apriranno dalle 10.00 alle 18.00 per gli assaggi di polenta e renga, primi piatti tipici, vino della Valpolicella e stand enogastronomici con prodotti locali. Nel primo pomeriggio sfilerà il corteo mascherato con la partecipazione delle maschere tipiche del Carnevale veronese del Papà del Gnoco e della Parona. A seguire ci sarà l’incontro con le autorità cittadine, accompagnato da un intrattenimento musicale. La manifestazione è ad ingresso libero e gratuito.