Al via il Festival degli artisti nell’oratorio di Parona. Domenica 16 giugno, attività e laboratori rivolti a bambini e ragazzi.

Festival degli artisti di strada a Parona

Si terrà domenica 16 giugno dalle 16.00 alle 18.30 presso il parco dell’Oratorio di Parona il “Festival degli artisti di strada” dove artisti, professionisti e educatori proporranno attività e laboratori rivolti ai giovani di ogni età: dalla baby dance e le bolle di sapone per i più piccoli, a laboratori di dj, slackline, tatoo e murales per i più grandi.

Artisti riuniti per valorizzare l’oratorio

L’evento nasce dalla preziosa e consolidata collaborazione tra WELF-CARE e l’Oratorio di Parona Santi Filippo e Giacomo, con l’obiettivo di coinvolgere le famiglie e valorizzare l’Oratorio come luogo di incontro, aggregazione e socializzazione per la cittadinanza. Questa sarà un’occasione per dare inizio e presentare le attività estive rivolte ai ragazzi del territorio, proposte da Parona Calcio, WELF-CARE e la Parrocchia, che nei mesi di giugno, luglio e agosto si intervalleranno nell’organizzazione di corsi, attività ricreative e, ovviamente, il celebre Gr.Est. Parrocchiale.

Leggi anche:  Altro downburst sulla Bassa, altra bufera: danni ingenti FOTO

Progetto Welf Care

L’iniziativa è organizzata nell’ambito del “Progetto WELF-CARE. Strumenti e spazi per la conciliazione vita-famiglia-lavoro”, presente dal 2018 in cinque territori di Verona e provincia, quali i quartieri di Parona, Saval e di Borgo Roma e Villafranca e San Bonifacio. Il progetto nasce con l’obiettivo di generare soluzioni di conciliazione vita, lavoro e famiglia assieme alla comunità stessa, attraverso l’ascolto dei bisogni e la co-progettazione di attività con i diversi interlocutori del territorio. WELF- CARE è un progetto promosso dal Consorzio SOL.CO. Verona e finanziato dalla Fondazione Cariverona, con il partenariato del Comune di Verona. A Parona partner esecutivo di progetto è la cooperativa Spazio Aperto, già presente nel quartiere con la gestione dell’Asilo Nido “Lo Scarabocchio” e lo “Spazio Salute e Benessere”.