Fiera del Riso di Isola della Scala, tagliato il nastro. Si tratta della 52esima edizione e andrà avanti fino al 7 ottobre.

Fiera del Riso di Isola della Scala, tagliato il nastro

È iniziata ieri, mercoledì 12 settembre, la Fiera del Riso, la festa del risotto italiano in programma fino al 7 ottobre ad Isola della Scala . Al taglio del nastro erano presenti: l’Amministratore Unico di Ente Fiera Alberto Fenzi, il Sindaco Stefano Canazza, il Vicesindaco Michele Gruppo, i rappresentanti delle Forze dell’Ordine, della Regione del Veneto, Provincia di Verona, Comuni ed enti scaligeri.

Ecco le novità: arriva anche il pesce

Lo spirito di questa 52esima edizione, che nel 2017 ha registrato 530mila piatti serviti, sarà unire ai fornelli diversi territori e tradizioni della cucina regionale non solo veneta. Oggi, giovedì 13 settembre, nel primo appuntamento del Top Show, nell’area ristorante allestita in Fiera, sarà ospite la Lessinia con i suoi sapori tipici: tartufo nero, gallina “grisa” e ricotta di pecora Brogna troveranno spazio in menù accanto all’ “oro” bianco della pianura, il riso Nano Vialone Veronese Igp. Dai pascoli delle montagne scaligere si passerà ai pescherecci dell’Adriatico: per la prima volta, infatti, uno degli stand della Fiera – gestito da una cooperativa di Chioggia – servirà tutte le sere, e sabato e domenica anche a pranzo, un risotto “al sapore di mare” e un “fritto Chioggiotto” con farina di riso.

Eventi della Fiera

Al ristorante in Fiera domani, venerdì 14 settembre, cucineranno assieme chef lombardi e veneti nell’evento “I Gonzaga alla corte dei Della Scala” che celebrerà la cultura gastronomica del riso (e non solo) a Verona e a Mantova. Promotrici della serata saranno le Confcommercio delle due province. Già questa settimana la Fiera aprirà il calendario degli appuntamenti solidali: sabato 15 settembre alle 18, nell’area del “Teatro del Gusto”, si terrà “Oggi cucino io”, un innovativo laboratorio di cucina dei Ceod (centri educativi occupazionali diurni) promosso dall’Ulss 9 scaligera. Sempre sabato inizieranno i concorsi gastronomici nell’area ristorante in Fiera.

Leggi anche:  La polenta di riso di Isola della Scala trionfa

Il “Risotto del Giornalista” e la “Spiga d’Oro”

Dalle 20,30 in poi ai fornelli si cimenteranno i professionisti dell’informazione in gara per la terza edizione del “Risotto del Giornalista”. A dare i voti una giuria composta principalmente da chef, sommelier e produttori. Domenica 16 alle 12,30, invece, sarà la volta dell’ottava edizione del Risotto del Sommelier, una sfida tra ricette e calici in collaborazione con Ais Veneto. Lunedì 17 settembre è in programma il più antico dei concorsi: la 51ª Spiga d’Oro, dedicata al risotto all’Isolana. In tutto gli eventi in calendario fino al 7 ottobre saranno oltre 150.

L’amministratore unico: “Arriviamo fino all’Adriatico”

“Per poco meno di un mese la Fiera sarà la casa della cucina italiana, pronta ad accogliere chef, prodotti e produttori da molte regioni della nostra Penisola – spiega l’Amministratore Unico di Ente Fiera, Alberto Fenzi -. Un piccolo miracolo che si ripete ogni anno e per il quale dobbiamo dire grazie al nostro riso, capace di sposare in cucina sapori che arrivano dai pascoli in quota alle profondità dell’Adriatico”.

Amministrazione orgogliosa

“Anche questa edizione poggia le basi sulla nostra comunità isolana: volontari, associazioni e imprese che da mesi preparano con cura la Fiera – afferma il Sindaco di Isola della Scala, Stefano Canazza -. Ne è la prova un programma fatto di una moltitudine di eventi di qualità, promossi soprattutto da realtà locali, che spaziano dalla cucina all’arte, dallo sport alla musica. La manifestazione esce così dalla cittadella fieristica per coinvolgere l’intero centro cittadino”. “L’oro della nostra Pianura è il riso – sottolinea il Vicesindaco Michele Gruppo –. Lo dobbiamo proteggere e promuovere ogni giorno di più. Abbiamo una qualità di prodotto che tutti ci riconoscono, una storia della risicoltura antica di secoli, una tradizione nel preparare il risotto che richiama ogni anno centinaia di migliaia di visitatori. Siamo la terra del riso per antonomasia e questa Fiera è l’occasione perfetta per ribadirlo con forza”.