Flash mob a Povegliano, interviene la maggioranza. Il gruppo Tradizione e Futuro accusa la “politicizzazione” dell’iniziativa.

Flash mob a Povegliano, interviene la maggioranza

Sabato una trentina di manifestanti, incuranti della pioggia, sono scesi in piazza per chiedere che l’amministrazione comunale provveda a riaprire la biblioteca del paese, chiusa oramai da più di un anno. La “replica” della maggioranza non si è però fatta attendere.

“Manifestazione di parte”

“La manifestazione di piazza per sensibilizzare sulla chiusura della biblioteca, l’avremmo fatta anche nostra non fosse stato che la presenza delle minoranze ha dato un evidente e profondo taglio politico alla cosa. I motivi per cui la biblioteca è ancora chiusa sono noti, e le minoranze stesse, presenti in piazza, avrebbero dovuto avere la delicatezza di spiegare come mai siamo a questo punto” si legge in un comunicato del gruppo di maggioranza “Tradizione e Futuro”.

Il blocco della spesa

“Ribadiamo che il blocco della spesa, e quindi la possibilità di rinnovare le convenzioni, che perdura da metà 2017 a causa del 1.100.000 di sbilancio al 31/12/2015 rilevato dalla Corte dei Conti, impedisce per ora di incaricare la cooperativa per l’apertura. Stiamo mettendo in piedi un gruppo di volontari, al fine di riaprire al più presto”.

Leggi anche:  Finalmente in edicola San Bonifacio e San Martino B.A. Week!

L’invito ai manifestanti

“L’invito ai manifestanti è quello di dare una piccola disponibilità alla riapertura, mettendo a disposizione delle ore per prestare servizio. Nei prossimi giorni vedremo di fare una convenzione con una associazione, al fine di procedere con la riapertura tramite volontari. Abbiamo già contattato sia la provincia (dott. Chemello) che i referenti del sistema bibliotecario provinciale, per rimettere in moto il tutto. Ribadiamo come la biblioteca rappresenti una risorsa per il nostro territorio: quella di oggi poteva essere una ottima occasione per fare squadra perché anche noi siamo succubi delle decisioni della Corte dei Conti. L’amministrazione non è certo contenta di chiudere i servizi, e lavora quotidianamente al ripristino della situazione”.

“La cassa piena? Falso”

In chiusura la maggioranza fa un precisazione a quanti obiettano che dei fondi, in cassa, ci sono eccome: “Quando si parla di cassa, bisogna prestare attenzione e sapere di cosa si sta parlando. La cassa non è un conto corrente col bancomat, dal quale si preleva a piacimento. La cassa deve sottostare ai vincoli di bilancio e dire che c’è cassa significa non avere conoscenza del funzionamento del bilancio comunale”.

Flash mob a Povegliano per chiedere la riapertura della biblioteca FOTO e VIDEO