Più di 200 persone, questa mattina, sono state coinvolte nella scoperta di forte San Procolo, il gioiello del sistema difensivo asburgico poco noto anche ai veronesi. Davvero un grande successo l’iniziativa dell’Amministrazione di aprire i forti ai cittadini tanto che, per soddisfare tutte le richieste di adesione, la visita sarà replicata sabato 30 marzo.

LEGGI ANCHE: Visite guidate per far conoscere i forti di Verona

Percorso di valorizzazione nell’ambito del progetto “Verona fortificata”

La grande struttura militare, che sorge a poca distanza da San Zeno, tra i quartieri Catena e Saval, è il primo complesso ad essere interessato dal percorso di valorizzazione e riscoperta voluto dall’Amministrazione, nell’ambito del progetto “Verona fortificata”. Dopo anni di abbandono, quindi, il caposaldo militare è diventato il protagonista di una visita guidata, pensata proprio per far conoscere questo tesoro militare e per proporre e condividerne percorsi di recupero.

LEGGI ANCHE: Recupero dei forti veronesi

I partecipanti sono potuti entrare anche all’interno

I partecipanti alla visita, muniti di torce, sono potuti entrare all’interno delle strutture del forte, che continuano ad essere ben conservate, e hanno potuto vedere quale straordinario patrimonio architettonico, storico e culturale rappresenti questa fortezza austriaca. Il complesso militare, che è di proprietà del Demanio, infatti dispone di grandi saloni, cortili interni e di un’area boschiva che, una volta recuperati, possono essere messi a disposizione della comunità. Al termine della visita, ai partecipanti è stata consegnata la guida che illustra i forti che fanno parte del sistema difensivo austriaco e che sono al centro del progetto di valorizzazione.

“Importante che i cittadini vedano le potenzialità dei forti austriaci di Verona”

“La particolarità di forte San Procolo – ha sottolineato l’assessore all’Ambiente Ilaria Segala – è data, oltre dalle sue dimensioni e dal buono stato di conservazione, dal fatto di sorgere nel cuore della 3ª Circoscrizione. Quindi, si tratta di una struttura facilmente raggiungibile e con grandi possibilità di essere riutilizzata. Le visite di oggi rappresentano il primo passo per tornare a renderlo fruibile. Innanzi tutto, è importante che i cittadini abbiano visto e colgano quali siano le potenzialità di questo e degli altri forti austriaci della nostra città. Per farlo, però, era importante che entrassero e toccassero con mano: è questo il senso delle visite guidate che abbiamo organizzato e, più in generale, del progetto ‘Verona fortificata’ che abbiamo avviato per far conoscere l’importante patrimonio di cui dispone la nostra città. Il passo successivo sarà quello di condividere azioni di valorizzazione, attraverso le proposte che saranno avanzate. Ringrazio i volontari che, grazie al loro intervento, hanno pulito e reso accessibile l’area e tutte le persone che hanno partecipato”.

Si replica anche sabato prossimo

La visita di forte San Procolo sarà, quindi, replicata sabato prossimo, 30 marzo. In contemporanea, gli assessori con i consiglieri comunali di maggioranza e quelli di circoscrizione hanno programmato, assieme a tutti i volontari che lo desiderino, una giornata ecologica dedicata proprio alla pulizia delle aree del forte. Chi volesse partecipare è invitato a presentarsi, alle 9.30, a forte San Procolo dotato di scarpe chiuse, guanti da lavori ed, eventualmente, di pinze raccogli rifiuti.

Leggi anche:  Sgominata l'organizzazione di venditori abusivi di rose

Le prossime date del tour dei forti veronesi

Sono già in calendario anche le prossime date del tour di scoperta degli 11 forti veronesi. L’1 e 13 aprile l’appuntamento è alla Torre Massimiliana, il 14 aprile a forte Sofia, il 4 maggio a forte Lugagnano, il 18 maggio a forte Castel San Felice, il 19 maggio a forte Preara – John Montorio e il 25 maggio a forte Azzano. Le prenotazioni si effettuano dal sito veronafortificata.comune.verona.it, che collega direttamente alla piattaforma gratuita ‘eventbride’.