Gemellaggio Italia Cina Sboarina unico sindaco presente. Firmata anche l’amicizia tra Verona e Hangzhou, voluto personalmente dal presidente Xi Jinping.

Gemellaggio Italia Cina Sboarina unico sindaco presente

A porte chiuse. E solo per una ristretta rappresentanza di autorità italiane e cinesi. Tra cui il sindaco di Verona Federico Sboarina, l’unico primo cittadino autorizzato a partecipare. Si è svolto al Quirinale l’incontro tra il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il presidente cinese Xi Jinping, alla sua prima visita ufficiale nel nostro Paese. Nel corso del colloquio privato i due capi di Stato hanno annunciato che il 2020 sarà l’anno culturale e del turismo tra Italia e Cina, indetto in occasione del 50° anniversario dello stabilimento delle relazioni diplomatiche bilaterali e dell’anno conclusivo del XIII Programma di sviluppo socio-economico cinese.

La giornata del sindaco

È iniziata così la giornata romana del sindaco Sboarina, nella capitale per la firma ufficiale del gemellaggio tra Verona e Hangzhou, voluto personalmente dal presidente Xi Jinping al fine di valorizzare i due siti patrimonio dell’Unesco. Un intenso lavoro diplomatico durato poco più di dodici mesi, che ha portato in tempi record alla firma del primo gemellaggio tra una città cinese ed una italiana. L’iter era stato avviato il 19 gennaio del 2018, a Venezia, quando il sindaco Sboarina, in occasione dell’inaugurazione ufficiale dell’anno UE-Cina del Turismo 2018, aveva ricevuto una prima ‘bozza’ di gemellaggio. Incontro al quale erano seguiti il 22 marzo l’approvazione dell’accordo da parte del Consiglio comunale di Verona e il 12 giugno, a Roma, l’incontro con il capo politico Yu Qun, organizzato dal coordinatore nazionale del Forum culturale Italia-Cina Francesco Rutelli. Notizie ufficiali dal governo cinese erano arrivate infine lo scorso 30 agosto, quando il ministro Zheng Xuan, incaricata d’Affari dell’Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese in Italia, aveva incontrato a Verona il sindaco proprio per confermare la volontà del governo cinese di arrivare quanto prima alla firma.

“Pagina importante per Verona”

“Non ci sono parole per descrivere l’emozione di essere qui oggi, unico sindaco a rappresentare l’Italia dei Comuni. È una giornata storica, di quelle che non potrò mai dimenticare. Verona scrive oggi una pagina importante della cronaca nazionale e internazionale, e poterlo vivere da sindaco è veramente motivo di orgoglio – ha commentato Sboarina, dopo essere uscito dal Quirinale -. Di fatto, con questo gemellaggio, diventiamo la prima porta verso la Cina. L’interesse nei confronti di questo accordo è davvero altissimo, per questo, in vista del 2020, siamo pronti a mettere in campo tutte le nostre eccellenze. L’anno del turismo tra Italia e Cina sarà per noi il primo tassello concreto del gemellaggio, ci metteremo subito al lavoro affinché Verona abbia tutte le carte in regola per attrarre quei flussi turistici che l’anniversario metterà in moto”.

Leggi anche:  Sciopero della polizia locale e provinciale

“Potenziare le infrastrutture”

“Per rendere tutto questo possibile – ha spiegato Sboarina – sarà necessario un potenziamento delle infrastrutture della nostra città, dai collegamenti aeroportuali a quelli viari. Allo stesso tempo dovranno essere creati pacchetti culturali ed enogastronomici, anche attraverso la presenza di Vinitaly in Cina, che possano riscontrare l’interesse della popolazione cinese. A questo proposito ho incontrato proprio questa mattina il vicepresidente del National Centre for the Performing Arts di Beijing, la signora Zhu Jing, che si occupa per il governo cinese della promozione della musica, che ha dimostrato grande attenzione verso Fondazione Arena, uno dei nostri migliori biglietti da visita all’estero. Ho già fissato, inoltre, un incontro con i rappresentanti del colosso Alibaba, per iniziare a porre quelle basi necessarie allo sviluppo di relazioni commerciali, a favore della nostra economia e del nostro territorio. Non avrei mai pensato che in un anno si arrivasse dalla bozza alla firma del gemellaggio. Un iter così rapido deve trovare seguito in tempi altrettanto celeri, e su questo lavoreremo con il massimo impegno”.