Capita sempre più spesso che quando si parla di calcio, in Italia, ci si debba soffermare sui troppi episodi negativi che contraddistinguono il nostro movimento. Cori beceri di cosiddetti tifosi, risse in campo e spogliatoi distrutti come se fosse passato Attila con gli Unni al suo seguito, le cronache in questi anni hanno offerto un campionario davvero imbarazzante di gesti più che censurabili.

Una lezione di civiltà

Capita, però, che anche nel mondo del pallone ci sia chi si contraddistingue per eleganza, civiltà ed educazione. È il caso, ad esempio, della Virtus Vecomp Verona, formazione che milita nel campionato di Serie C che, dopo aver battuto in trasferta il Rimini, ha fatto vedere cosa vogliano dire le parole rispetto e civiltà. Gli spogliatoi, infatti, sono stati puliti completamente e lasciati in perfetto ordine, cosa che ha stupito positivamente la dirigenza del Rimini, tanto da indurla a complimentarsi con gli avversari direttamente sui canali ufficiali del club con questo messaggio: “Il Rimini FC intende ringraziare pubblicamente i giocatori e lo staff della Virtus Verona che ieri, prima di salire sul pullman per lasciare il ‘Romeo Neri’, hanno provveduto a ripulire il proprio spogliatoio senza lasciare a terra né una bottiglietta, né una cartaccia. L’educazione e il rispetto verso il prossimo, e nello specifico nei confronti di coloro che si occupano delle pulizie dei locali dello stadio, si vedono anche da questi piccoli grandi gesti”.