Un gran ballo, nel cuore del centro storico, per l’ultima sera di carnevale. Si terrà martedì 5 marzo, in Gran Guardia “Il magnifico convivio”. Tutti potranno partecipare, purché vestiti in costume. Non è previsto un tema da rispettare, ognuno potrà scegliere il personaggio da interpretare per una notte. Parte del ricavato sarà donato in beneficienza, a sostegno della onlus “Il sorriso di Beatrice”, a favore dei malati oncologici dell’ospedale di San Bonifacio.

LEGGI ANCHECarnevale di Verona 2019 tutte le sfilate in provincia

Artisti provenienti da Rio de Janeiro

Durante la serata, oltre alla cena, saranno presenti artisti provenienti da diversi carnevali, da Rio de Janeiro a Colonia, ma anche acrobati, ballerini, musica live per una serata indimenticabile. Un vero e proprio tuffo nel passato, quando, in tanti palazzi veneti, si tenevano mondane feste in costume.

LEGGI ANCHECarnevale Verona 2019 ecco il decalogo “sicurezza”

Un ospite eccezionale dal nome segreto

Il direttore artistico, Antonio Giarola, annuncia l’arrivo di un ospite eccezionale il cui nome rimarrà segreto fino alla serata. I biglietti sono in prevendita al Box office di via Pallone, al costo di 50 euro. L’evento, organizzato dal Bacanal del Gnoco, in collaborazione con il Comune di Verona e le società Proeventi e Promo2, è stato presentato questa mattina in sala Arazzi. Presenti l’assessore alle Manifestazioni Filippo Rando, il presidente del Bacanal del Gnoco Valerio Corradi e il regista Antonio Giarola, oltre all’immancabile Papà del Gnoco.

Leggi anche:  Con 2 euro vince 209 milioni al Superenalotto, il montepremi più alto di sempre

“Un programma davvero ricco”

“Il programma di questo carnevale sarà davvero ricco – ha detto Rando- e sempre più coinvolgente. A chiudere le danze sarà proprio una serata all’insegna del divertimento e del ballo, ma anche della solidarietà. Ringrazio gli organizzatori che regaleranno con questo evento tanti sorrisi, non solo alle persone che vi prenderanno parte ma anche ai malati che riceveranno un importante sostegno”.

“Ripristinata un’antica tradizione”

“Abbiamo voluto ripristinare una tradizione antica, purtroppo andata in disuso a Verona – ha sottolineato Corradi -, che permetterà alla città di chiudere il Carnevale in maniera esclusiva. Tante le sorprese durante la serata, che ricordo avrà un importante scopo benefico”.