Identificate 1300 persone durante le festività natalizie nelle stazioni ferroviarie.

Identificate 1300 persone durante le festività natalizie

Il 2019 è terminato ed è già tempo di bilancio per il Compartimento di Polizia Ferroviaria “per Verona ed il Trentino Alto Adige” che, come ogni anno, ha intensificato i servizi per garantire vacanze serene ai turisti che hanno affollato le stazioni della provincia veronese durante le feste di Natale. Nel corso delle attività sono state identificate circa 1300 persone, di cui 550 tra cittadini stranieri e comunitari dei quali circa un terzo con precedenti. I poliziotti del Settore Operativo di Verona Porta Nuova e dei Posti di Peschiera e Legnago hanno svolto 233 servizi di vigilanza nelle stazioni che si aggiungono ai 18 servizi a bordo treni passeggeri (39 treni controllati in movimento) ed ai 24 servizi automontati impiegati nel controllo degli obiettivi sensibili funzionali alla regolarità dell’esercizio ferroviario delle linee di competenza. Nelle maggiori stazioni ferroviarie, con la collaborazione delle unità cinofile della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza, sono stati svolti controlli antidroga che hanno portato al sequestro di sostanze stupefacenti di varia natura in quantità importante, con 1 persona arrestata in flagranza, 9 persone denunciate in stato di libertà e 2 segnalate al Prefetto per uso personale. Quotidiani sono stati inoltre i servizi antiborseggio in abiti civili per contrastare il fenomeno dei ladri operanti in ferrovia, con l’arresto di una persona in flagranza di reato, per il furto di una valigia, condannata ed allontanata immediatamente dalla provincia, oltre alla denuncia di un altro
soggetto. Le attività di controllo, in risposta al diffuso allarme terrorismo, sono state svolte simultaneamente con cani antiesplosivo della Polizia di Stato e da operatori di polizia dotati di “metal detector” sulle banchine di arrivo e ogni altra area di accesso al pubblico estesa anche ai depositi bagagli di stazione ove presenti. Intensa l’attività anche nell’ultimo weekend dell’Epifania, durante il quale i poliziotti di Verona Porta Nuova hanno dato esecuzione a un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Brescia nei confronti di un italiano di 44 anni, identificato in stazione. L’uomo dovrà scontare quasi 5 anni di carcere. La Polizia Ferroviaria continua costantemente a fronteggiare il fenomeno dei migranti in transito verso il Nord Europa, attività che comporta la predisposizione dei servizi specifici anche presso la
zona del Quadrante Europa: proprio durante uno di questi servizi, alla vigilia dell’Epifania, è stato scoperto un clandestino nascosto in un carro merci diretto verso l’Austria. Il Compartimento Polfer per Verona ed il Trentino Alto Adige è competente per le provincie di Verona, Vicenza, Trento e Bolzano. L’incremento dell’attività istituzionale, nel periodo delle festività natalizie ha riguardato tutte le province di competenza. Complessivamente, gli Uffici Polfer hanno garantito 561 servizi di vigilanza alle stazioni ferroviarie, scortato 49 convogli ferroviari ed eseguito 28 pattuglie lungo la linea ferroviaria. I servizi antiborseggio sono stati 29.