Identità nazionale nelle scuole. Venerdì 12 ottobre, in piazza Bra, il 1° alzabandiera degli alunni, dopo una breve lezione di educazione civica.

Senso di appartenenza

Prende il via venerdì 12 ottobre il progetto condiviso da Amministrazione, Comfoter di Supporto e Ufficio Scolastico per promuovere nei bambini e nei ragazzi il senso di appartenenza alla Patria e un simbolo in cui identificarsi, il tricolore.

Un’iniziativa che porterà le scuole veronesi, di ogni genere e grado, in piazza Bra ad assistere alla cerimonia dell’alzabandiera, dopo una breve lezione di educazione civica a palazzo Barbieri. Gli incontri sono propedeutici alla Manifestazione dell’Unità Nazionale, della Costituzione, dell’Inno della Bandiera.

Ottanta ragazzi

Ad accogliere gli studenti in municipio saranno il sindaco Federico Sboarina ed un rappresentante dell’Esercito italiano che, dopo un breve momento formativo accompagneranno in piazza Bra gli studenti, che faranno da pennonisti durante la simulazione della cerimonia dell’alzabandiera.

Circa un’ottantina gli alunni che parteciperanno alla prima giornata formativa, le classi 3^A della scuola media Duca D’Aosta, 3^B della media Catullo e le classi 5^ A e B delle elementari Ippolito Nievo.

L’idea di Comfoter

“Un’idea del Comfoter di Supporto che ho subito condiviso, in quanto sono fermamente convinto che i valori in cui crediamo e che ci rappresentano come Popolo vadano diffusi e insegnati, a cominciare dai bambini – ha detto il sindaco -. L’inno nazionale e il tricolore sono simboli che si danno spesso per scontati. Ben vengano iniziative in collaborazione con la scuola e i rappresentanti militari, per rinsaldare l’appartenenza ad una comunità che è tale per cultura, valori e condivisioni di principi”.

Leggi anche:  Uccide il padre e scappa, arrestato a Verona

Conoscere il significato

“Un progetto in cui crediamo molto e che ci fa piacere condividere con l’Amministrazione comunale – ha detto il generale del Corpo d’Armata del Comfoter di Supporto Giuseppenicola Tota-. E’ giusto che i giovani sappiano il significato dei simboli che li rappresentano, a cominciare dal valore della Costituzione, per diventare dei buoni cittadini, rispettosi della istituzioni e delle regole basilari della convivenza”.

Iniziative alle quali aderire

“La scuola non può che accogliere di buon grado ed aderire con convinzione a questo tipo di iniziative – ha detto il provveditore Albino Barresi -. Ringrazio i singoli istituiti che partecipano con entusiasmo alle giornate formative”.