Il Comune di Villafranca rimuove le biciclette fuori posto. A partire dal prossimo lunedì il Comando di Polizia Municipale provvederà alla rimozione.

Il Comune di Villafranca rimuove le biciclette fuori posto

Il sindaco Roberto Luca Dall’Oca comunica che, viste le numerose segnalazioni pervenute, si è valutato di intervenire su questa situazione di decoro urbano. L’art. 158 comma 1, lettera h) del Codice della Strada vieta, infatti, la sosta dei veicoli sui marciapiedi, salvo diversa regolamentazione. Tale divieto vige per tutti i veicoli, quindi anche per le biciclette. In caso di violazione è prevista, oltre ad una sanzione, con possibilità di pagamento in misura ridotta di euro 87, anche la sanzione accessoria della rimozione del veicolo.

Niente bici ai pali

L’art. 52-bis, recentemente introdotto nel Regolamento di polizia urbana dal Consiglio Comunale, tra le altre cose, di appoggiare o legare le biciclette agli elementi di arredo urbano, alle fioriere, ai pali della pubblica illuminazione, alle transenne parapedonali, ai pali e sostegni della segnaletica stradale. Per tale violazione è prevista un sanzione amministrativa per il quale è ammesso il pagamento in misura ridotta di euro 50. Pertanto, eventuali biciclette parcheggiate sui marciapiedi ed appoggiate o legate in violazione dell’art. 52- bis del Regolamento di polizia urbana rischiano una sanzione complessiva di euro 187 e la rimozione forzata. A partire dal prossimo lunedì, il Comando di Polizia Municipale provvederà alla rimozione delle biciclette e a sanzionare chi non rispetterà il regolamento. Si invitano, pertanto, gli interessati alla rimozione delle proprie biciclette lasciate incustodite, onde evitare la sanzione e la rimozione da parte degli addetti del Comune.

Leggi anche:  Verona: stretto rapporto tra vino e turismo

Ok solo con le rastrelliere

In merito all’utilizzo delle rastrelliere per biciclette, come detto, il Codice della Strada vieta, salvo diversa regolamentazione, la sosta dei veicoli sui marciapiedi, per cui per venire incontro alle esigenze di sosta delle biciclette in centro, con ordinanza n. 747 del 02.03.2018, si è provveduto a consentire la sosta dei velocipedi sui marciapiedi di corso Vittorio Emanuele II, corso Garibaldi, via Rensi, via Bixio, via Messedaglia, solo utilizzando appositi porta-biciclette, collocati in adiacenza agli edifici e purché lo spazio per il passaggio dei pedoni e delle persone con limitata o impedita capacità motoria, residuante a seguito della sosta dei velocipedi, sia di almeno 1,50 metri.

Presto altre postazioni

Tale disposizione è stata poi confermata dal Consiglio comunale ed estesa a tutto il territorio comunale, con l’approvazione del nuovo comma 3 dell’art. 57 del Regolamento di polizia urbana, il quale stabilisce che la collocazione della rastrelliere porta bici sui marciapiedi in deroga al Codice della Strada, può essere autorizzata, purché le stesse abbiano caratteristiche tali da non costituire un’insidia per l’incolumità dei pedoni e l’ingombro complessivo, una volta collocate le biciclette, lasci libero uno spazio conforme a quanto previsto dal Codice della Strada per le occupazioni dei marciapiedi. Sarà cura dell’Amministrazione comunale provvedere in tempi brevi al posizionamento di rastrelliere nei punti considerati di maggior utilità e in linea con quanto previsto dal regolamento e dal Codice della Strada.