Immesse migliaia di carpe e tinche nei corsi d’acqua del Veneto per opera di Veneto Agricoltura nell’ambito dei cosiddetti obblighi ittiogenici. La semina, che inizierà giovedì 4 ottobre, interesserà numerosi corsi d’acqua della provincia di Verona dove saranno rilasciati 17.600 esemplari di tinca di 6/8 cm e 25.500 esemplari di carpa di 4/6 cm.

Le tinche

Le tinche saranno immesse nel fiume Tione (a Nogarole Rocca, Trevenzuolo, Erbé), fiume Tartaro (Povegliano, Vigasio, Isola della Scala, Pellegrina), Fosso Piganzo (Isola della Scala), Fosso Nuovo (Palù-Mozzecane), Fossa Giona (Vigasio-Isolalta), Fossa Calfura (Pioppa-Isola della Scala), Fossa Ladisa (Chitalò-Povegliano), Fossa Baldona (Vigasio), fiume Menago (Buttapietra), Fossa Brà (Bovolino-Buttapietra), Fossa Brà (Villa Boschi-Isola della Scala), Fossa Gambisa (Erbé), Fossa Grimana (Trevenzuolo).

Le carpe

Le carpe saranno immesse nel fiume Tione (Nogarole Rocca, Trevenzuolo, Erbè), fiume Tartaro (Povegliano, Vigasio, Isola della Scala, Pellegrina), Fosso Piganzo (Isola della Scala), fiume Menago (Buttapietra), Fosso Nuovo ( Palù-Mozzecane), Fossa Giona (Vigasio-Isolalta), Fossa Calfura (Pioppa-Isola della Scala), Fossa Ladisa (Chitalò-Povegliano), Fossa Baldona (Vigasio), Fossa Brà (Bovolino-Buttapietra), Fossa Gambisa (Erbè), Fossa Grimana (Trevenzuolo), Tione dei Monti (Villafranca di Verona).

Leggi anche:  Manutenzione straordinaria corsi d'acqua

Veneto agricoltura

L’azione di ripopolamento viene effettuata da Veneto Agricoltura con la collaborazione delle guardie volontarie delle diverse Associazioni gestori delle acque in concessione interessate.