In via Dossobuono a Sommacampagna arriva la rotatoria. La giunta comunale ha approvato il progetto definitivo per la realizzazione dell’opera dopo l’ok della Provincia.

In via Dossobuono a Sommacampagna arriva la rotatoria

La giunta comunale ha approvato il progetto definitivo per la realizzazione della rotatoria su via Dossobuono, all’intersezione con la Sp 26 Morenica (via Circonvallazione Europa). Nella giornata del 13 febbraio la Provincia, proprietaria della circonvallazione, ha comunicato l’ok di approvazione del progetto, e l’ufficio lavori pubblici ha predisposto la delibera affinché ieri mattina la giunta comunale potesse dare il via alla predisposizione dei lavori.

Si migliora la visibilità

L’intervento prevede sostanzialmente la realizzazione di una rotatoria di idonee dimensioni tali da garantire un buon livello di visibilità e di percezione dell’intersezione, oltre a regolare le manovre e a migliorare i raggi di svolta. Tale sistemazione a rotatoria risulta essere la migliore soluzione in grado di assolvere agli obbiettivi di aumentare la sicurezza, moderare la velocità sui rettilinei (in particolare sulla Sp), ridurre le cause di incidentalità, migliorare la percezione dell’incrocio e la fluidità della circolazione a velocità moderata, assicurando comunque il transito agevole ai mezzi pesanti. Per la corretta costruzione geometrica (che garantisce la massima efficienza in termini di circolazione veicolare) è inoltre necessario l’allargamento della sezione stradale nei tratti di entrata e uscita in rotatoria, di tutti e quattro i tronchi interessati.

Leggi anche:  Negozio etnico alle Golosine potrà stare aperto solo mezza giornata

Il commento dell’assessore

L’iter prevede ora la procedura per gli espropri o accordi con i proprietari dei terreni limitrofi e la gara per l’affidamento dei lavori. Commenta così l’assessore ai Lavori pubblici Fabrizio Bertolaso: «Si tratta di un grande risultato per i cittadini tutti, che finalmente potranno percorrere in maggior sicurezza questo tratto di strada, al momento altamente pericoloso. I tempi tecnici, necessari per legge, consentiranno l’inizio dei lavori presumibilmente per l’estate 2019».