Interventi economici straordinari per famiglie in difficoltà.

Interventi economici straordinari

La Regione del Veneto, con DGR n. 705 del 28 maggio 2019, presenta un programma unico di interventi economici straordinari a favore delle famiglie in difficoltà residenti in Veneto, nel quale rientra il supporto:

1. alle famiglie monoparentali e dei genitori separati o divorziati per il pagamento del canone di locazione (linea intervento 1)
2. alle famiglie con figli minori di età rimasti orfani di uno o di entrambi i genitori (linea intervento 2)
3. alle famiglie con parti trigemellari o con numero di figli pari o superiore a quattro (linea intervento N. 3)

I requisiti previsti per accedere alle tre linee di intervento devono essere posseduti alla data della pubblicazione sul BUR (31 maggio 2019) del presente atto; solo la certificazione ISEE può avere data di rilascio successiva alla pubblicazione, non è ammessa la presentazione della DSU.

Modalità di accesso al programma

Il richiedente il cui nucleo familiare abbia i requisiti per accedere ad una o più linee di intervento:
1. compila il “Modulo di adesione al programma di interventi economici straordinari a favore delle famiglie in difficoltà residenti in Veneto. Anno 2019” (allegato B);
2. presenta al Comune di residenza, entro il 23 agosto 2019 alle ore 12,30 l’allegato B datato, firmato e completo dei documenti necessari.
La comunicazione dei dati dei cittadini alla Regione del Veneto avverrà per via telematica esclusivamente per il tramite dell’amministrazione comunale.

Linea intervento 1

Destinatari
FAMIGLIE MONOPARENTALI E GENITORI SEPARATI O DIVORZIATI (art. 5 della L.R. n. 29/2012), ossia nuclei familiari, come definiti all’art. 3 del D.P.C.M. n. 159/2013, cioè composti da un solo genitore detti monoparentali, oppure composti da un coniuge in caso di separazione legale effettiva o di annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, in situazione di difficoltà e con figli minori con il fine di recuperare l’autonomia abitativa ed una esistenza dignitosa (art.1 L.R. 29/2012).

Intervento
E’ previsto un intervento di natura forfettaria di € 1.000,00 per ciascun nucleo, finalizzato a concorrere totalmente o parzialmente al pagamento dei canoni di locazione sostenuti e/o da sostenere nell’arco temporale 1 gennaio – 31 dicembre 2019. Il fondo destinato a questa linea di intervento è di € 600.000,00 e sarà erogato sino ad esaurimento.

Requisiti di ammissione
a) Il nucleo familiare, come definito all’art. 3 del D.P.C.M. n. 159/2013, è composto da un solo genitore e uno o più figli conviventi minori di età;
b) Il nucleo familiare deve risiedere nella Regione del Veneto;
c) Il genitore richiedente deve essere intestatario di un contratto di locazione per abitazioni non di lusso (abitazioni rientranti nelle categorie catastali A2, A3, A4 e A5 con esclusione dei fabbricati rurali) nell’arco temporale 1 gennaio – 31 dicembre 2019;
d) L’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) del nucleo familiare non deve superare € 20.000,00;
e) Il richiedente, ai sensi della L. R. n. 16 dell’11 maggio 2018, non deve avere carichi pendenti;
f) I componenti del nucleo familiare non cittadini comunitari devono possedere un titolo di soggiorno valido ed efficace. (Per informazioni sui titoli di soggiorno rivolgersi alla Prefettura territorialmente competente).

Linea intervento 2

Destinatari
NUCLEI FAMILIARI CON FIGLI RIMASTI ORFANI DI UNO O ENTRAMBI I GENITORI (art. 59, LR n. 30/2016, novellato dalla LR 29, n. 14/2018), ossia nuclei familiari, come definiti all’art. 3 del D.P.C.M. n. 159/2013, in situazione di difficoltà economica e con figli minori di età rimasti orfani di uno o entrambi i genitori.

Leggi anche:  Autovelox Verona, i controlli della velocità da lunedì 8 a domenica 14 luglio

Intervento
E’ previsto un intervento di € 1.000,00 per ciascun figlio minore.
Il fondo destinato a questa linea di intervento è di € 1.300.000,00 e sarà erogato sino ad esaurimento.

Requisiti di ammissione
a) Il nucleo familiare, come definito dall’art. 3 del D.P.C.M. n. 159/2013, comprende almeno un minore di età rimasto orfano di uno o entrambi i genitori;
b) Almeno un componente del nucleo familiare deve risiedere nella Regione del Veneto;
c) L’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) risultante in seguito al decesso di uno o di entrambi i genitori non deve superare i € 20.000,00;
d) Il richiedente, ai sensi della L. R. n. 16 dell’11 maggio 2018, non deve avere carichi pendenti;
e) I componenti del nucleo familiare non cittadini comunitari devono possedere un titolo di soggiorno valido ed efficace. (Per informazioni sui titoli di soggiorno rivolgersi alla Prefettura territorialmente competente).

Linea intervento 3

Destinatari
FAMIGLIE CON PARTI TRIGEMELLARI OPPURE CON NUMERO DI FIGLI PARI O SUPERIORE A QUATTRO, ossia nuclei familiari, come definiti all’art. 3 del D.P.C.M. n. 159/2013, nei quali sia avvenuto un parto trigemellare o il cui numero di figli sia pari o superiore a quattro, di età inferiore a 26 anni (27 non compiuti), conviventi e non, di cui almeno uno minorenne.

Intervento
Per le famiglie con parti trigemellari è previsto un intervento di natura forfettaria di € 900,00 per ciascun parto trigemellare; i tre figli nati da tale evento devono essere minori.
Per le famiglie numerose con numero di figli pari o superiori a quattro è previsto un intervento di € 125,00 per ciascun figlio minore.
Per ciascuna delle suddette tipologie di famiglia sarà predisposta una graduatoria distinta.
Il fondo destinato a questa linea di intervento è di € 1.900.000,00 e sarà erogato sino ad esaurimento, a copertura di entrambe le graduatorie. Qualora dallo scorrimento di una delle due graduatorie avanzassero delle risorse, queste verranno utilizzate per lo scorrimento dell’altra graduatoria.
Potrà essere presentata una sola adesione per ciascun nucleo familiare anche in caso di concomitanza di entrambe le situazioni, ad esempio famiglia con quattro figli di cui tre gemelli.

Requisiti di ammissione
a) Il nucleo familiare, come definito dall’art. 3 del D.P.C.M. n. 159/2013, comprende tre gemelli minorenni ovvero è composto da almeno quattro figli, conviventi e non, di età inferiore o uguale a 26 anni (27 anni non compiuti) di cui almeno uno minorenne;
b) Il nucleo familiare deve risiedere nella Regione del Veneto;
c) L’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) del nucleo familiare non deve superare € 20.000,00;
d) Il richiedente, ai sensi della L. R. n. 16 dell’11 maggio 2018, non deve avere carichi pendenti;
e) I componenti del nucleo familiare non cittadini comunitari devono possedere un titolo di soggiorno valido ed efficace. (Per informazioni sui titoli di soggiorno rivolgersi alla Prefettura territorialmente competente).

La graduatoria regionale verrà redatta in base all’ISEE, in caso di parità verrà data priorità alla presenza nel nucleo familiare di un figlio non autosufficiente ai sensi dell’art. 3, c. 3, della legge n. 104/1992, quindi al numero di figli.