Partite da Treviso alla volta di Verona, cinquanta imprenditrici agricole trevigiane hanno visitato due realtà di spicco del settore olivicolo e vitivinicolo del veronese.

Le due aziende veronesi che hanno ospitatole cinquanta imprenditrici

Qualche ora di viaggio per arrivare a Illasi nell’azienda “La Contarina” per conoscere i segreti della coltivazione dell’olio d’oliva e dopo la pausa pranzo nel vicino agriturismo “Corte Merci”, tappa nella cantina della presidente provinciale di Donne Impresa Chiara Recchia che con la sua famiglia gestisce una cantina a Jago di Negrar nel cuore della Valpolicella.

“Ci accomuna un senso di appartenenza alla terra”

Accomunate tutte dalla passione per la campagna, il gruppo guidato da Katy Mastorci, non solo ha avuto occasione di confrontarsi su tecniche produttive e l’alta qualità, ha soprattutto appreso la storia professionale e di vita delle colleghe agricoltrici scaligere. “Ci accomuna un senso di appartenenza alla terra – hanno commentato entrambi le delegate – e la voglia di un riscatto sociale. Chi pratica la campagna rispetta i ritmi naturali ma deve fare i conti con il mercato, la capacità di fare reddito e stare al passo con le esigenze dei consumatori. Non c’è differenza tra la pastora, l’operatrice didattica o l’esperta di vini – aggiungono Katy e Chiara – siamo uguali e in sintonia per raggiungere gli stessi obiettivi la tutela del territorio, la salubrità del cibo e conservare la bellezza del paesaggio”.