Maltempo, danni per centinaia di migliaia di euro nel veronese.

Maltempo nella Bassa Veronese

Oggi, alle 4 del mattino, un forte temporale ha colpito le zone del Basso Veronese, con danni enormi dovuti soprattutto a un vento molto forte che ha divelto piante, scoperchiato tetti e danneggiato casolari e strutture. Colpite in particolare le zone di Cologna Veneta, Sorgà, Legnago, Erbé, Albarella, Zevio, Colognola, San Martino. A Zevio un fulmine ha colpito l’albero di un’azienda agricola, a Macaccari è caduto anche qualche comignolo.

“Si è scatenato il finimondo”

“Non vedevo una cosa simile da un sacco di tempo – riferisce Paolo Ferrarese, presidente di Confagricoltura Verona, proprietario di un allevamento di vacche da latte al confine con il Mantovano -. Alle 3.50 si è scatenato il finimondo con pochissima acqua e grandine, ma una tromba d’aria che ha fatto volare via le coperture delle stalle e i tetti delle case, sradicando pioppeti di due o tre anni nelle zone di Erbé e Sorgà. Al confine con il Mantovano ci sono tralicci in mezzo alle strade, strutture agricole danneggiate, linee telefoniche e Internet saltati. Si parla di danni per centinaia di migliaia di euro, anche se i conti reali si faranno nei prossimi giorni”.

Leggi anche:  Maltempo, Zaia: "Piste e impianti sciistici riapriranno regolarmente"

Tromba d’aria

Nelle zone di Zevio la grandine e il vento hanno danneggiato moltissimi frutteti. A Raldon si è verificata una tromba d’aria. “Interi filari di piante sono stati sradicati dal vento – riferisce Pietro Spellini, frutticoltore e vicepresidente di Confagricoltura Verona -, danneggiando in alcuni casi perfino le reti antigrandine. Chi era senza reti ha riportato danni ancora più gravi, con quintali di frutta da mandare al macero”.

Per vedere le immagini dei danni causati dal maltempo clicca QUI.