Mentre ero via la fiction e l’avventura di Stefania come comparsa. La Lunardi è di San Bonifacio e per due giorni ha vissuto da vicino la vita del set.

Mentre ero via la fiction e l’avventura di Stefania come comparsa

A pochi minuti dalla messa in onda della prima puntata della fiction “Mentre ero via”, coprodotta da Rai Fiction ed Endemol Shine Italy, scritta da Ivan Cotroneo e Monica Rametta e diretta da Michele Soavi, a San Bonifacio c’è una spettatrice speciale che non vede l’ora di vederla. Anzi, di vedersi. E’ Stefania Lunardi, che ha preso parte alle riprese come comparsa.

Il casting nel luglio 2018

“Avevo appena perso il lavoro – ci racconta Stefania – quando una mia amica mi manda un articolo dove si parla di questo casting. Ho pensato ‘mah sì, proviamo’, tanto non avevo niente da perdere, se non qualche ora in fila”. Quando Stefania arriva a Verona la fila è lunghissima, e dalle 9 del mattino riesce ad essere esaminata attorno alle 14. “Ci hanno fatto alcune domande, qualche foto, e poi ci hanno lasciato con il classico ‘le faremo sapere'”.

La chiamata inattesa

Solo che, a dispetto del pessimismo, il telefono di Stefania squilla e dall’altra parte c’è la produzione della fiction: “Ti abbiamo scelto, si parte domani”. “Non ci credevo: c’erano 900 aspiranti comparse, ragazze e ragazzi bellissimi, molti con esperienza di recitazione, mi sentivo piccola piccola. Eppure devo aver detto qualcosa che è rimasta impressa” racconta ancora emozionata.

Leggi anche:  Tanti auguri nonni! Un’iniziativa speciale targata Netweek

Sul set veronese

Stefania partecipa a due giorni di riprese, girando in totale ben 8 scene, un numero insolito per una “semplice” comparsa. “E’ un mondo incredibile, tutti vanno velocissimi, si prova e si riprova, si corre, si lavora tutto il giorno. Il regista voleva una trattoria che non c’era, così l’hanno costruita dal nulla, ed era bellissima – racconta – Dietro ogni scena c’è un lavoro inimmaginabile, sono tutti grandi professionisti”.

Com’è Vittoria Puccini?

Domanda inevitabile sulla protagonista, Vittoria Puccini, stupenda attrice italiana ormai volto amatissimo proprio delle fiction: “E’ una ragazza straordinaria, dolcissima, educata. Io ero l’ultima ruota del carro, eppure mi parlava spesso, mi trattava davvero con i guanti. E’ così come la si vede, bella e naturale” ci confida Stefania, che in tutte le scene era quasi sempre vicina proprio alla Puccini.

L’emozione di rivedersi

In ultimo chiediamo a Stefania Lunardi se sia emozionata, a pochi minuti dalla prima puntata: “Molto, sarà molto strano. Dallo schermo del regista ho visto che mi si vede bene in diverse scene, speriamo le abbiano tenute tutte, quando mi ricapita” scherza la sambonifacese.