Il mercatino vintage, un appuntamento ormai tradizionale, torna anche quest’anno, dall’8 all’11 novembre 2018, in occasione della Giornata Nazionale contro la sofferenza inutile delle persone inguaribili.

Quattro giornate di shopping solidale

Saranno quattro giornate di shopping solidale per riscoprire capi di abbigliamento di grande fascino e accessori senza tempo: un imperdibile appuntamento per appassionati e collezionisti. Un’occasione per fare un regalo a sé, donando agli altri. Per mostrare la varietà e l’unicità dei capi in esposizione e creare, nel contempo, un’occasione conviviale, sabato 10 novembre Ado Verona promuove una sfilata.

Presenti anche studenti impegnati nell’alternanza scuola-lavoro

E dunque, ad affiancare l’associazione nella promozione dell’iniziativa quest’anno per la prima volta ci saranno anche quattro studenti ,dell’Istituto “M. Sanmicheli” di Verona, indirizzo Moda, impegnati nel progetto di Alternanza Scuola Lavoro. Ilaria Balestriero, Emma Menaspà, Giulia Roldo e Simone Spada si sono avvicinati al mondo del volontariato grazie al progetto di Alternanza Scuola Lavoro “Moda Solidale” coordinato dalla Professoressa Marina Romio, e hanno messo in campo entusiasmo e competenze organizzando una speciale sfilata di moda per Ado.

Sostegno all’assistenza domiciliare agli ammalati

L’appuntamento è quindi sabato 10 novembre alle ore 16.00 nella sala che ospita il mercatino: protagonisti, i capi in vendita, indossati per l’occasione da alcune ragazze dell’istituto. Un defilé inedito che porta in passerella il fascino degli abiti vintage per sostenere in maniera originale e creativa le attività dell’Associazione destinate all’assistenza domiciliare ai malati, al supporto psicologico ai familiari e alla formazione continua dei volontari. Tutto il ricavato dell’iniziativa infatti sosterrà le attività di supporto e accompagnamento ai malati di fine vita e alle loro famiglie da parte dei volontari dell’associazione.

Leggi anche:  Ufficio anagrafe, conclusi i lavori

ADO Verona

ADO Verona è accreditata presso la Società Italiana di Cure Palliative e affiliata alla Federazione Italiana Cure Palliative. Ne fanno parte oltre ottanta tra le più importanti organizzazioni no profit attive nell’area dell’aiuto, del sostegno e dell’assistenza alle persone nella fase finale della propria vita a causa di una malattia inguaribile.