I mattoncini Lego per un fine settimana tornano a colorare la Fiera di Verona, protagonisti di Model Expo Italy. La manifestazione numero 1 in Italia dedicata al modellismo e al gioco, oggi e domani, celebra il sistema di costruzioni danesi più famoso al mondo con un intero padiglione di 8mila metri quadrati, 2mila in più rispetto alla precedente edizione.

Lego

Centinaia i set Lego delle varie ambientazioni tematiche come Castle, City, Technic, Creator, Star Wars, Mindstorm e Bionicle esposti nella BrickArena. A realizzarli con 4 miliardi di pezzi i 251 espositori e le 22 associazioni di Lego user group presenti.
In fiera si trovano anteprime esclusive, tra cui il nuovissimo modello di Ford Mustang del 1960, riprodotta in 1.471 componenti, ma anche numerose Moc (My own creation), acronimo con cui si identificano le creazioni originali che non seguono le istruzioni di montaggio, ma sono frutto della fantasia.
Qui il pezzo centrale è l’enorme diorama realizzato dal CLV-Lego user group di Verona che riproduce con 280mila mattoncini un paesaggio cittadino e di campagna, su una superficie pari a quella di un appartamento di cento metri quadrati.
Spazio anche al medioevo, con un castello in scala, fedele in ogni dettaglio al Krak dei Cavalieri, la fortezza più conosciuta edificata dai crociati in Siria. Dalla storia si passa all’universo fantastico della saga di Harry Potter in versione Lego, con un plastico della città dei maghi di Diagon Alley, con tanto di stazione ferroviaria di Hogwarts e scuola di magia. Infine, chi vuole mettere alla prova le proprie abilità di costruttore Lego, può farlo in fiera contribuendo alla realizzazione di un modello da migliaia di pezzi dell’Arena, in omaggio all’anfiteatro romano simbolo della città di Verona.

Lego da mangiare

Dopo il lancio del primo set con pezzi biodegradabili ricavati dalla canna da zucchero, in fiera i Lego si possono anche mangiare grazie alla nuova iniziativa “Food&Bricks” con biscotti, caramelle, gelatine e veri e propri piatti, tutti rigorosamente in tema con i mattoncini.

Leggi anche:  Enoturismo, Verona unica città italiana tra le grandi capitali del vino

Gli ospiti

A Verona i Lego parlano anche in tedesco, con un gruppo di AfoL (Adult fan of Lego) bavaresi che porta un complesso progetto con ascensori, leve, ponti, ingranaggi e viti senza fine che fanno muovere delle palline.
Con Mattia Lonardoni, campione mondiale in carica di Speed birding, poi, i Lego diventano parte di una gara di velocità e precisione che consiste nel fissare ad una base 32×32 il maggior numero di minifigure raffiguranti un gabbiano, nel tempo massimo di un minuto. Una sfida che Lonardoni porta in scena anche nel weekend di Model Expo Italy.