Lo scorso 24 maggio, a Roma, si è conclusa l’assemblea costitutiva del Sindacato Aeronautica Militare – SIAM. Nel corso dell’assise è stato eletto come segretario generale provvisorio Paolo Melis, che riveste il grado di Luogotenente. In successione si è insediato anche il consiglio nazionale dei soci fondatori, giunti da diverse parti d’Italia, con l’obiettivo di far crescere l’associazione ed accompagnarla al 1°Congresso che si terrà entro un anno. Tra i soci fondatori anche tre militari del 3° Stormo di Villafranca: il primo maresciallo Gianfranco Esposito, il sottotenente Antonsergio Belfiori ed il sergente maggiore capo Giuseppe Rossi.

“Così si modernizzano le forze armate”

“Questa grande innovazione nel mondo militare – ha commentato Melis – frutto della sentenza 120 del 2018 della Corte Costituzionale, costituisce un atto di democrazia e civiltà che traghetterà le forze armate verso un processo di modernizzazione caratterizzato da trasparenza e maggiore vicinanza alla società civile”. Molti i temi sul tavolo, a partire dal contratto scaduto nel 2018, trattamento economico e i profili di carriera non più attagliati alle nuove esigenze funzionali delle forze armate ma sopratutto la determinazione di svolgere un ruolo da protagonista per la tutela dei diritti del personale dell’aeronautica militare.