Net for Neet a Verona.

La nuova generazione: i neet

I Neet sono quei ragazzi che non hanno un impegno lavorativo né di studio. La parola è un acronimo inglese che significa “not (engaged) in education, employment or training”, che tradotto indica quelle persone non non impegnate nello studio, né nel lavoro né nella formazione.

Quali giovani

Coinvolgere giovani tra i 16 e i 25 anni, in possesso di licenza media, ma che non studiano e non lavorano, in un percorso di emancipazione per la loro crescita professionale e sociale. Questo l’obbiettivo del progetto triennale Net for Neet, attivato dal 1° marzo di quest’anno dalla Cooperativa Energie Sociali e che, tra il 2018 e il 2020, punterà al coinvolgimento di una ottantina di giovani della Provincia di Verona.

Numeri veronesi

A Verona sono oltre 20.700 i ragazzi e le ragazze che non studiano e non lavorano. Di questi, neet-vulnerabili circa 2 mila nella Provincia di Verona, con una bassa scolarità e una debole rete di protezione sociale.

Il percorso proposto

Il percorso permetterà ai giovani di ottenere autonomia: personale, con la formazione dell’individuo attraverso attività di laboratorio ed esperienze sul campo per l’acquisizione delle ‘Life skills’ – competenze utili per la vita e per il lavoro; lavorativa, con l’attivazione di tirocini retribuiti presso aziende e l’apertura di ‘Job Club’ – percorsi di ricerca di lavoro di gruppo, sotto la guida di trainer certificati; abitativa, con l’opportunità di co-abitare, con affitti agevolati per precari e giovani ‘vulnerabili’, per i quali, oltre alla possibilità di alloggio, vi è l’accompagnamento alla ricerca di lavoro. Previsti inoltre corsi di orientamento al lavoro, incontri con testimonial aziendali e formazione specifica.

Leggi anche:  Evade dai domiciliari: arrestato dai Carabinieri

Cittadinanza attiva e volontariato

I giovani potranno partecipare ad una o più delle attività previste, in base al loro profilo e caratteristiche personale e professionali. I soggetti partecipanti al progetto Net For Neet saranno inoltre coinvolti in attività di cittadinanza attiva e volontariato, inteso come momento di crescita personale e propedeutico al lavoro, grazie alla collaborazione con il Centro Servizi per il Volontariato di Verona. Il progetto è stato presentato questa mattina, a palazzo Barbieri, dall’assessore ai Servizi sociali Stefano Bertacco insieme alla presidente della Cooperativa Energie Sociali e Coordinatrice Progetto Net for Neet Chiara Castellani. Presente la Responsabile Attività Istituzionale di Fondazione Cariverona Marta Cenzi, fra i partner dell’iniziativa.

La rete per riattivare i giovani

“Non solo un progetto sociale che offre nuove opportunità ai giovani – sottolinea l’assessore Bertacco –, ma una rete articolata di soggetti che, con la partecipazione diretta anche del Comune, puntano ad accrescere l’occupazione e l’autonomia di giovani a bassa scolarità, che attualmente non studiano e non lavorano. Un problema sociale che, oltre ai giovani, coinvolge anche le loro famiglie, spesso sole e che non sanno a chi chiedere aiuto”. Capofila e coordinatore del progetto la Cooperativa Energie Sociali con il sostegno della Fondazione Cariverona, l’Assessorato ai Servizi Sociali e Lavoro del Comune di Verona, il Centro Servizi per il Volontariato, Scaligera Formazione, il Progetto Job Club e con l’appoggio di Lavoro e Società e Ater Verona.

Informazioni e iscrizioni

Per informazioni e iscrizioni al progetto è possibile consultare il sito www.energiesociali.it – scrivere a info@energiesociali.it – telefonare al 346 0732412 o recarsi all’info point dell’Informagiovani, il lunedì, martedì e venerdì dalle 9 alle 12.