Nuove e-mail truffa, non aprire l’allegato. Polizia Postale e Agenzia delle Entrate invitano all’attenzione.

“Notifica in merito a debito” – Agenzia Entrate. Polizia Postale e Agenzia delle Entrate invitano all’attenzione. Lo “Sportello dei Diritti”: non aprite l’allegato.

Nuove e-mail truffa: non aprire l’allegato

Truffe online a gogo viaggiano sulle nostre email. L’ultimo allarme arriva dall’Agenzia delle Entrate, con l’allerta rilanciata anche sulla pagina Facebook della Polizia Postale “Commissariato di PS On Line – Italia” e sul sito istituzionale di quest’ultima che lo “Sportello dei Diritti” ritiene utile segnalare per informare tutti coloro che possiedono dispositivi perché tutti potenzialmente nel mirino dei criminali informatici. A tale scopo, pubblichiamo integralmente il comunicato dell’ente per comprendere i rischi che possiamo correre: «L’Agenzia informa che in questi giorni stanno circolando delle email con oggetto del tipo “Notifica in merito a debito. Atto N. xxxxxxxxx” provenienti da un mittente denominato “Servizi finanziari”. I messaggi avvertono gli utenti di un presunto debito e invitano a consultare una lettera allegata, recando in calce i riferimenti telefonici reali di uffici dell’Agenzia delle Entrate. Il documento allegato ai messaggi è in realtà un virus informatico che può infettare i computer degli utenti. L’Agenzia, totalmente estranea all’invio di queste false comunicazioni, invita i cittadini a cestinare immediatamente queste email e, in ogni caso, a non aprire file allegati o cliccare su eventuali collegamenti web sospetti.». Insomma, un modo subdolo per approfittare di una nostra disattenzione e del timore che il Fisco ingenera nei contribuenti per accedere abusivamente nei nostri dispositivi, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”.

Leggi anche:  Al via il moto giro Harley Davidson di Arcole

Consigli utili

Ecco perché è utile seguire alcuni semplici consigli riportati anche sul sito istituzionale della forza di polizia specializzata nella lotta al crimine informatico:

  • non aprire alcun allegato e non cliccare su eventuale link contenuto nel testo della mail;
  • installare e tenere sempre aggiornato il proprio sistema Antivirus;
  • modificare periodicamente le password dei servizi on line.

Nel caso siate comunque incappati nella frode potrete rivolgervi agli esperti della nostra associazione tramite i nostri contatti email info@sportellodeidiritti.org o segnalazioni@sportellodeidiritti.org per valutare immediatamente tutte le soluzioni del caso per evitare pregiudizi.