Il sindaco di Verona, Federico Sboarina, è tornato a parlare dell’assegnazione a Milano e Cortina delle Olimpiadi invernali del 2026, evento che toccherà da vicino anche la città scaligera dal momento che la cerimonia di chiusura si terrà in Arena. “Abbiamo davanti un’occasione unica – sottolinea Sboarina – 7 anni di promozione internazionale per il nostro territorio. Una sfida avvincente che è cominciata ieri. Il verdetto di Losanna, infatti, ha innescato per Verona e il territorio scaligero un vero e proprio effetto domino. Con le Olimpiadi invernali 2026, saremo il baricentro tra Milano e Cortina, chiunque arriverà in Italia per i giochi passerà dalla nostra città, generando un indotto economico enorme”.

LEGGI ANCHE: Olimpiadi invernali 2026 a Milano e Cortina, Sboarina: “La cerimonia in Arena sarà indimenticabile”

Verrà creato un gruppo di lavoro stabile per la promozione del territorio

“E siccome non siamo secondi a nessuno – continua Sboarina – organizzerò con il Presidente Scalzotto un gruppo di lavoro stabile per la promozione coordinata di tutto il territorio. Deve essere un volano per le nostre montagne, la Valpolicella e il lago. Il sottosegretario Giorgetti ha parlato di un top manager che gestisca l’evento sportivo, anche Verona dovrà essere coinvolta perché oltre al gruppo per la promozione locale, avvierò un confronto con le categorie economiche per progettare eventi e manifestazioni. Al di là dell’evento sportivo in sè, infatti, la vera sfida sarà raccogliere tutte quelle economie positive che una manifestazione internazionale di questa portata potrà generare.

Leggi anche:  Monopattini ovunque a Verona, ne sono stati rimossi 40 in due giorni

LEGGI ANCHE: Olimpiadi invernali 2026 a Milano e Cortina, esulta anche Verona

Verona e l’Arena hanno giocato un ruolo strategico

“Verona e l’Arena – conclude – hanno giocato un ruolo strategico per la bellezza e per la capacità dimostrata in queste settimane di saper gestire manifestazioni di livello internazionale. In meno di un mese l’anfiteatro è stato due volte in mondovisione, con la tappa conclusiva del Giro d’Italia e la prima del Festival Lirico. Questa è la dimostrazione che i grandi sogni, quando si creano i presupposti e le condizioni adeguate, si realizzano. Insieme con il presidente Zaia ci abbiamo creduto fin da ottobre scorso quando gli ho proposto l’Arena”.