Omaggio a Sydney Pollack.

La rassegna che ricordi il regista

Un rassegna cinematografica, promossa dal Verona Film Festival, per rendere omaggio, a dieci anni dalla sua scomparsa, al regista Sydney Pollack e, in particolare, al suo rapporto di amicizia con l’attore Robert Redford. A partire da martedì 15 maggio, nella sala Convegni della Gran Guardia, saranno in proiezione i sette film che li hanno visti uniti sul grande schermo.

Destini incrociati

La retrospettiva, chiamata “Destini incrociati”, è promossa da ‘Il piacere degli occhi’, il format del Festival dedicato a film provenienti da tutto il mondo, proiettati in lingua originale con i sottotitoli in italiano.

Seconda volta per Verona

Questa è la seconda volta che Verona omaggia il regista statunitense: nel 1996, infatti, il festival “Schermi d’Amore” ha realizzato la prima retrospettiva completa di tutti i suoi lavori. In quell’occasione, Pollack aveva anche visitato la città.

Il programma completo

Ad aprire la rassegna, martedì 15 maggio, alle 21, sarà il film “Come eravamo” del 1973. Doppio appuntamento sabato 19 maggio: alle 16.30 “La mia Africa” del 1985 e alle 21, “Corvo Rosso non avrai il mio scalpo”, del 1972. Doppia proiezione anche per mercoledì 23 maggio, alle 16.30, con “Havana” del 1990, l’ultimo film in cui regista e attore hanno collaborato insieme, e alle 21, con “I tre giorni del Condor” del 1975. Le proiezioni si concluderanno martedì 29 maggio alle 16.30 con “Questa ragazza è di tutti” del 1966, il primo film in cui il regista e l’attore hanno lavorato insieme, e alle 21, con “Il cavaliere elettrico” del 1979. L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti.

Leggi anche:  Buono libri: rimborso fino al 15 ottobre

Verona, Pollack e Redford

“Insieme, il regista Sydney Pollack e l’attore Robert Redford hanno girato sette film straordinari, lasciando un segno indimenticabile nella storia del cinema – sottolinea l’assessore alla Cultura Francesca Briani –. Un doveroso omaggio a Pollack e al legame che si instaurò con la nostra città, alla quale donò le copie dei suoi film”.