Ospedale di Bovolone soddisfazione per le decisioni della Regione. Il primo cittadino Mirandola ha diffuso i dati che riguardano il San Biagio dopo le decisioni Giunta Zaia.

Ospedale di Bovolone soddisfazione per le decisioni della Regione

“A nome dell’Amministrazione comunale ringrazio la Regione Veneto, il Presidente Luca Zaia, l’Assessore Manuela Lanzarin, la V^ Commissione consiliare regionale per le politiche socio sanitarie, il Consigliere regionale Alessandro Montagnoli e tutti i Consiglieri regionali del territorio che hanno dato un fattivo interessamento, nonché il Direttore dell’Area Sanità e Sociale regionale Domenico Mantoan, il Sottosegretario di Stato Luca Coletto, la Conferenza dei Sindaci, e in particolare il Presidente Flavio Massimo Pasini, il Direttore Generale dell’Azienda ULSS 9 Scaligera Pietro Girardi, dell’importante risultato raggiunto per i servizi sanitari del nostro territorio”. Così il sindaco, Emilietto Mirandola, ha preso atto delle decisioni della Regione riguardo le schede ospedaliere e le ricadute sul San Biagio.

Ecco i numeri

“Grazie alla sinergia tra le istituzioni – ha detto il sindaco – si è potuto implementare l’ospedale San Biagio dei seguenti servizi:

  • aumento fino a 70 posti letto per la riabilitazione funzionale;
  • consolidamento dell’ospedale di comunità con 24 posti letto;
  • hospice con 6 posti letto;
  • punto di primo intervento h 24, portando l’ospedale bovolonese tra le quattro strutture del Veneto di coordinamento del Polo riabilitativo provinciale.

“Un ringraziamento va anche alla Casa di Riposo San Biagio che ha messo provvisoriamente a disposizione i locali per consentire l’esecuzione dei lavori di realizzazione dell’ospedale di comunità. L’Amministrazione – spiega il sindaco – ha voluto fortemente che l’ospedale di Bovolone mantenesse un ruolo importante per tutti i Comuni della media pianura veronese e ciò ha trovato una risposta favorevole e costruttiva nelle Istituzioni preposte. Ancora una volta si ha conferma di quanto sia fondamentale la collaborazione tra gli Enti per poter garantire in modo ottimale i servizi e superare i campanilismi per il bene della collettività. L’ospedale San Biagio è patrimonio di tutti ed è fondamentale utilizzarlo al meglio per rispondere ai bisogni dei cittadini del territorio”.

Leggi anche:  Wimbledon, nel tempio del tennis l'aria condizionata sarà made in Verona

Dal Comune 250mila euro per la sanità

Proprio in tale ottica l’Amministrazione ha investito in termini di risorse economiche 150.000 euro per l’ospedale di comunità e messo a disposizione di un contributo di 100.000 euro e di parte dell’immobile denominato “Ex Scuole Elementari Maschili” per la realizzazione del Centro Diurno e Centro di Salute Mentale. “Questo risultato -conclude il primo cittadino – rappresenta un ulteriore passo nell’ottimizzazione dei servizi sanitari del territorio: ci sono altri obiettivi da raggiungere, come la riduzione dei tempi di attesa, e l’amministrazione comunale continuerà a relazionarsi e rapportarsi in modo costruttivo con tutti gli Enti preposti per far sì che la collaborazione porti i risultati che i cittadini si attendono, nel miglior modo e nel minor tempo possibili”.