Il vescovo di Verona Giuseppe Zenti ha vistato nella mattinata di oggi, mercoledì 19 dicembre, l’ospedale Magalini di Villafranca.

Ospedale Magalini, l’intervento di Girardi

Il vescovo ha celebrato messa nella sala riunioni dell’ospedale Magalini, introdotto dagli auguri del direttore generale dell’Ulss 9 Scaligera Pietro Girardi, che si è espresso così: “Chiedo a tutti, soprattutto al personale, che il Natale lo festeggiate tutto l’anno vedendo in chi avete di fronte vostro fratello”.

Ospedale Magalini, gli auguri del vescovo Zenti FOTO e VIDEO

Gli auguri del vescovo

Il vescovo Zenti ha ribadito che Natale è tutti i giorni quando si serve la vita, a partire da quella più sofferente che gli operatori sanitari sono chiamati ad assistere.

Nel pronunciare la sua omelia, il vescovo ha poi ribadito la possibilità di conciliazione fra scienza e fede: “A Dio nulla è impossibile, come nel caso di Sansone e di Giovanni Battista, figli di madri sterili. O di Gesù, nato da una vergine. Voi che siete abituati alla scienza direte che questi fatti non si giustificano. Ma credo che la nostra mente debba accogliere sia tutto ciò che la scienza ci può dare sia tutto ciò che la rivelazione ci può dare”.

Il vescovo ha infine concluso, rivolgendosi ai medici: “Voi siete chiamati a superare il male fisico, psichico e indirettamente anche quello spirituale. Siete al servizio della comunità perché cresca bene, perché il male sia soffocato e lascia spazio alla vita. Spero che come medici riusciate a restare ammirati della meraviglia della crescita. Ognuno è nato quello che è nato: io per esempio ero alquanto selvaggio – ha ammesso il vescovo – Se non avessi avuto la mia famiglia che mi ha educato, sarei diventato un selvaggio. Chiediamo dunque la grazia che le nostre famiglie formino persone grandi, che possano essere motivo di speranza per l’umanità”.

 

Gli auguri al personale e ai degenti

La messa si è conclusa con l’annuncio del fatto che la cappellania si sta formando anche nell’ospedale di Villafranca e che sarà guidata da padre Alessando, dei frati cappuccini, e coordinata dai diaconi Bruno e Romeo.

Leggi anche:  Fanfara in concerto al castello di Villafranca per il 3° Stormo 

Dopo la celebrazione la visita del vescovo è proseguita nei reparti, dove ha incontrato i degenti, partendo dal reparto di Osservazione breve intensiva del pronto soccorso, e si è conclusa con gli auguri al personale.