Pfas anche a Villafranca di Verona? Lo chiede la minoranza dem. L’interrogazione vuole lumi sui percolati delle discariche situate nel territorio del comune e sulle acque sotterranee e superficiali.

Pfas anche a Villafranca di Verona? Lo chiede la minoranza dem

In una interrogazione presentata lo scorso 3 maggio all’assessore all’Ecologia Riccardo Maraia, i consiglieri di minoranza Matteo Melotti, Isabella Roveroni, Paolo Martari e Daniele Pianegonda hanno chiesto all’assessore all’Ecologia Riccardo Maraia sulla eventuale presenza di composti perfluoro alchilici (PFAS) nei percolati delle discariche situate nel territorio del comune di Villafranca di Verona e delle acque sotterranee e superficiali.

Il testo dell’interrogazione

“Da articoli di stampa si è saputo che tali inquinanti sono stati ritrovati recentemente anche nelle acque del fiume Po e quindi non direttamente collegati con la zona interessata dal presunto inquinamento avente origine in provincia di Vicenza – si legge nell’interrogazione – Analisi condotte da Arpav nel territorio della Regione Veneto hanno evidenziato la possibilità che tali sostanze possano essere presenti anche nel percolato di alcune discariche e nelle limitrofe acque sotterranee e nel territorio del comune di Villafranca di Verona e in quello di comuni limitrofi ci sono discariche che potrebbero riscontrare simili problematiche”. “Considerando che la popolazione debba essere informata e rassicurata circa la qualità dell’acqua del nostro territorio – si conclude il documento – si chiede se esistano dati relativi alle concentrazioni di PFAS nei percolati delle discariche attive e non più attive presenti nel territorio del nostro comune o in comuni limitrofi, se esistano dati relativi alle concentrazioni di PFAS nelle acque sotterranee o superficiali del territorio del nostro comune e, in base alle analisi effettuate da Acque Veronesi, quali siano i dati più aggiornati circa le caratteristiche dell’acqua che arriva nelle nostre case”.