Piano conservazione e gestione del lupo in Italia: no abbattimenti selettivi. Il ministro Costa (M5S) cancella il provvedimento che aveva fatto infuriare gli ambientalisti.

Piano conservazione e gestione del lupo in Italia: no abbattimenti selettivi

Lo sapevate che il 10% dei lupi che vivono nell’Unione europea si trovano in Italia? Di loro parla il Piano conservazione e gestione del lupo presentato oggi da Sergio Costa, militare e ministro dell’Ambiente in quota Movimento 5 Stelle.

LEGGI ANCHE: Lupo in Veneto: nel 2018 più di 400 capi uccisi

No abbattimenti selettivi

“Non servono abbattimenti, ma una strategia”, ha ribadito il ministro, che ha cancellato il precedente provvedimento in cui si ipotizzavano eliminazioni selettive e che aveva scatenato le proteste degli ambientalisti.

Piano conservazione e gestione del lupo

La disposizione è stata trasmessa per l’approvazione alla Conferenza Stato Regioni: restano tutte le misure per migliorare la convivenza coi lupi, puntando a preservare la specie e tutelare la biodiversità.

LEGGI ANCHE: Caccia al lupo in Veneto slitta la legge

Leggi anche:  Mozzecane, prima edizione del Premio Corte Scaligera va all'Associazione Wine Experience

Monitoraggio resta centrale

Sarà in ogni caso fondamentale il monitoraggio operato dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale e saranno implementate azioni di concerto anche con il Ministero delle politiche agricole.

LEGGI ANCHE: Lupo ucciso in Lessinia ira di Zanoni