Pm10 a Verona sono in calo, da domani ok a Euro4. Ancora male, invece, i comuni veronesi di Bovolone e Legnago.

Pm10 a Verona sono in calo, da domani ok a Euro4

Da domani, venerdì 8 marzo, le auto private diesel euro 4 potranno tornare a circolare. Verona è l’unico agglomerato del Veneto dove rientra il livello di allerta 1-arancione. Si torna quindi al livello verde, che annulla il blocco previsto dall’Accordo di Bacino Padano. A confermarlo è l’Arpav con l’ultimo bollettino. La centralina del Giarol Grande, riferimento per quanto riguarda la rilevazione di polveri sottili a Verona, negli ultimi due giorni ha misurato una concentrazione media giornaliera di Pm10 al di sotto del valore limite di 50 microgrammi/metro cubo.

Male Bovolone e Legnago

Nello specifico, le rilevazioni sono state di 41mg/mc nella giornata di martedì e di 48 mg/mc in quella di mercoledì. Restano invece al livello 1-arancione, rischiando di passare addirittura all’allerta 2-rossa se superano per 10 giorni consecutivi il limite di Pm10, Padova, Vicenza, Schio, Rovigo, Monselice, Tribano, così come i comuni veronesi di Bovolone e Legnago.

I blocchi che rimangono

Il livello di allerta 2 prevede il blocco anche per i veicoli commerciali, diesel euro 4, dalle 8.30 alle 12.30. Rimangono, comunque, efficaci le misure base, previste dal livello verde, per il contenimento delle emissioni inquinanti, e cioè, il divieto di circolazione, dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 18.30, per i veicoli benzina Euro 0 ed Euro 1 e per i veicoli diesel Euro 0, Euro 1, Euro 2 ed Euro 3. Confermate anche tutte le deroghe già in vigore. Rimane, poi, il divieto di utilizzare generatori di calore con prestazione emissiva inferiore alla classe 2 stelle e l’obbligo di usare, nei generatori di calore, pellet certificato conforme alla classe A1. Tutte le informazioni, relative alle misure in vigore e alle deroghe, sono disponibili sul sito del Comune.

Leggi anche:  Da Pozzuoli a Villafranca: gli allievi dell’Accademia in visita al 3° Stormo

Buone pratiche

In generale, per limitare comunque il più possibile le emissioni di polveri sottili, Arpav e Amministrazione invitano tutti i cittadini a rispettare i divieti già in essere e ad adottare stili di vita virtuosi e comportamenti rispettosi dell’ambiente. Tra le buone pratiche consigliate, l’utilizzo dei mezzi pubblici al posto dell’auto privata, limitando gli spostamenti a quelli strettamente necessari, evitando di riscaldare il motore da fermi e di guidare in maniera aggressiva. Per quanto riguarda le abitazioni, il consiglio è quello di ridurre gli orari di funzionamento degli impianti di riscaldamento e di abbassare la temperatura massima dei locali, mantenendola tra i 19 e i 21 gradi. Si sconsiglia l’utilizzo di stufe e caminetti alimentati a biomasse (legna o pellet) se nell’edificio sono presenti sistemi di riscaldamento meno inquinati, come ad esempio l’impianto a metano. Nel caso vengano utilizzate le stufe, è importante che sia bruciata solo legna secca, non altri tipi di materiali, e che sia stata verificata la pulizia delle canne fumarie. Uffici aperti al pubblico, negozi e attività industriali devono mantenere chiusi i battenti degli accessi. È importante anche che le ruote dei mezzi, che escono dai cantieri o da siti in cui si lavora materiale che può produrre polveri, siano pulite con idropulitrici prima di immettersi in strade urbane ed extraurbane. Sfalci, potature ed altri residui agricoli non vanno bruciati, dato che le combustioni all’aperto incrementano ulteriormente la produzione e la diffusione di polveri e componenti tossici.