Poliziotta insultata a Verona il giovane si difende su Facebook: “Falsità”. K.S., queste le sue iniziali, ha affidato al suo profilo uno sfogo: “Io alterato perché attaccato dai manifestanti”.

Poliziotta insultata a Verona il giovane si difende su Facebook: “Falsità”

“Incredibile come vengono montate le cose, quanta falsità quando non ho mancato di rispetto a nessuno. Non sono omofobo e né razzista. Non sapete come fare i soldi dovevate fare notizia e basta. Io sono stato attaccato da dei manifestanti e il video è stato fatto quando ero già alterato perché, appunto, sono stato attaccato e preso di mira”. Questo lo sfogo di K.S., il giovane protagonista dell’acceso faccia a faccia con la dirigente della Digos di Verona durante il Congresso mondiale delle famiglie che si è tenuto a Verona dal 29 al 31 marzo.

LEGGI ANCHEPoliziotta insultata a Verona il giovane verrà denunciato

Il commento dell’amica lesbica: “Non sei omofobo”

Diversi i “mi piace” e i commenti al post, tra cui quello di una sua amica che di definisce “lesbica”: “Non sei omofobo, non saresti mio amico dato che sono lesbica e sono contro questi quattro imbecilli”.

Leggi anche:  Assunzione nuovi medici intesa tra Regione e sindacati

LEGGI ANCHE:

Poliziotta insultata a Verona arriva il sostegno dell’Associazione Nazionale Funzionari di Polizia