Porta Nuova sarà il primo monumento cittadino ad essere restaurato grazie allo sponsor. Per effetto del Decreto legislativo del 18 aprile 2016 (articoli 19 e 151), le Amministrazioni si posso avvalere della formula delle “sponsorizzazioni tecniche”, ottenendo cosi il restauro completamente gratuito dei monumenti. Un’operazione che, nel giro di un anno e mezzo, restituirà Porta Nuova alla città e ne valorizzerà la bellezza, a vantaggio dei veronesi ma anche dei turisti.

Per 18 mesi la facciata sarà coperta da cartelloni pubblicitari

Per 18 mesi circa, infatti, la facciata e i lati di Porta Nuova saranno coperti da cartelloni pubblicitari, commissionati ad hoc da sponsor locali ma anche nazionali e internazionali, che hanno scelto Verona, e in particolare il monumento sanmicheliano, per farsi pubblicità. Il bando per la sponsorizzazione tecnica riguardante l’intervento di Porta Nuova è stato vinto dal Raggruppamento Temporaneo con a capo la ditta The Media S.r.l., leader a livello nazionale nel settore sponsor, Tieni Costruzioni 1836 S.r.l. incaricata dell’esecuzione dei lavori e DMA Associati S.r.l. per la parte dei servizi tecnici.

1 milione di euro il costo dell’intervento

Tutto a carico del’ATI, quindi, il costo dell’intervento, circa 1 milione di euro che comprende la progettazione e i lavori di restauro, che vanno dalla rimozione delle erbacce e delle sterpaglie presenti tra i muri e sul tetto, alla rimessa in pristino delle masse lapidee, dalla sigillatura al restauro conservativo, fino alla ripresa del colore naturale delle murature. Infine l’illuminazione, che giocherà un ruolo da protagonista nel restituire splendore al monumento. Affidate al mastro Mario Nanni, le luci, pur tenendo conto delle peculiarità specifiche di Porta Nuova, diventeranno elemento di design, con installazioni realizzate apposta per Verona.

Top secret, per ora, i nomi delle aziende

Disegnate su misura, anche le sponsorizzazioni che si susseguiranno nei prossimi mesi, per catturare l’attenzione dei numerosi veronesi e non che ogni giorno transitano in uno dei principali ingressi cittadini. Top secret, per ora, i nomi delle grande aziende che appariranno sui cartelloni. Quel che è dato sapere è invece che si tratta di sponsor importanti, di fama internazionale, ma anche di note aziende locali, per rimarcare il rapporto con il territorio.

Leggi anche:  Primo incontro ufficiale tra sindaco di Verona e comandante dei vigili del fuoco

Già allestite le impalcature

I lavori sono di fatto già partiti, con le maestranze che stanno allestendo le impalcature che serviranno a posizionare i cartelloni. Proprio sul posto, anzi sul tetto di Porta Nuova, ieri mattina il sindaco Federico Sboarina e l’assessore ai Lavori pubblici Luca Zanotto hanno incontrato i rappresentanti della ditta The Media, rappresentata dall’amministratore delegato Paolo Rossi, e della Tieni Costruzioni, presente con l’ing. Francesco Tieni.

“Lavoriamo per restituire a Verona lo splendore dei suoi monumenti”

“Dopo il cantiere dell’Arena e i prossimi lavori all’arsenale, adesso tocca a Porta Nuova. Lavoriamo per restituire a Verona lo splendore dei suoi monumenti – ha detto il sindaco -. Se l’Arena è il nostro ‘gioiello’, Porta Nuova è senza dubbio la principale via d’ingresso alla città – ha detto il sindaco -, il nostro biglietto da visita per chi arriva dall’autostrada come per chi giunge dalla stazione. Da anni, ormai, si trova in una situazione di sofferenza che la penalizza a livello estetico e funzionale. Con questi lavori non solo diventerà ancora più bella, ma troverà sicuramente nuova vita con progetti e iniziative legate alla cultura e al turismo. Vogliamo che i veronesi possano godere appieno delle bellezze della propria città, a cominciare dai luoghi e dai monumenti principali”.

Le fasi dell’intervento

Nel dettaglio dei lavori l’assessore Zanotto, che ha elencato tutte le fasi previste dall’intervento di restauro, dalla progettazione alla conservazione. “Fra 18 mesi la Porta sarà riportata alla sua autentica bellezza, a costo zero per il Comune. Si parte con il lavoro di scannerizzazione a laser della parte muraria della Porta – ha detto Zanotto -, un lavoro innovativo che permetterà di raccogliere dati e informazioni preziose sul monumento, che diventeranno un importante patrimonio per studi e interventi futuri”.

“Sponsor entusiasti”

“Il primo sponsor che utilizzerà gli spazi di Porta Nuova – ha anticipato Rossi di The Media -, ha abbracciato con entusiasmo l’iniziativa e il suo spirito creativo, tanto da modificare la campagna nazionale con una specifica versione per Verona”. “Per noi è un orgoglio contribuire a questo lavoro – ha aggiunto l’ing. Tieni -. Siamo un’impresa storica del veronese, con la passione del recupero”.