Porta Vescovo abbellita dalle nuove fioriere.

Porta Vescovo abbellita

Nuove fioriere da oggi abbelliscono l’ultimo tratto di via XX settembre, quello in prossimità di Porta Vescovo. All’interno, 150 tra piante grasse, fiori e piccoli arbusti ornamentali in grado di sopportare il caldo e il sole. Varietà particolari scelte proprio per la loro resistenza, Verbena, Sedum, Perovskia e Calamagrostis occupano un’area di 20 metri quadri. Le fioriere in acciaio corten, materiale che con il tempo assume il colore del legno, sono modulari e rialzate. Posizionate al centro della strada, separano le due carreggiate. Ad adornare l’angolo di Veronetta, come chiesto anche dai commercianti e dai residenti del quartiere, il settore Giardini del Comune. La cura del verde spetterà invece ad Amia. Questa mattina, sul posto, erano presenti gli assessori ai Giardini Marco Padovani, al Bilancio Francesca Toffali e all’Arredo urbano Nicolò Zavarise.

Fiorerie rimovibili e spostabili

“Abbiamo scelto di posizionare delle fioriere rimovibili che potranno essere spostate e riutilizzate quando qui inizieranno i lavori per il filobus – ha detto Padovani -. Fino a quel momento le strutture, all’interno delle quali sono stati piantumati fiori e arbusti, abbelliranno la via, valorizzando anche Porta Vescovo”.

Leggi anche:  Droga: nel 2018 in Veneto i sequestri sono diminuiti del 50,83%

Numerose le iniziative

“Negli ultimi mesi sono state realizzate diverse iniziative per riportare l’attenzione su questo importante quartiere cittadino – ha aggiunto Toffali -. Dall’evento che ha aperto i giardini privati al pubblico, all’installazione delle scenografie areniane sulla Porta, al patto di sussidiarietà siglato per dare il via ad iniziative e laboratori all’interno dei giardini dell’ex Nani”.

Nuovi elementi di arredo

“Nuovi elementi di arredo urbano che rispondono alle esigenze e alle richieste dei residenti e dei commercianti della zona – ha concluso Zavarise -. Questo angolo di Veronetta meritava di essere arricchito e abbellito, anche perché è un punto di grande passaggio”.