Nel “Distinguished Visitor Day” (DVD) dell’esercitazione Toxic Trip 2019 (TT19), svoltosi il 01 ottobre 2019 presso il 3° Stormo di Villafranca di Verona, è stata offerta l’opportunità a numerose autorità civili, ai delegati delle Forze Armate italiane ed estere e ai rappresentanti della stampa di assistere a diverse dimostrazioni dinamiche di attività di decontaminazione di velivoli, uomini e materiali da agenti chimici, batteriologici, radiologici, nucleari (CBRN).

Tante le autorità presenti

Nel briefing di benvenuto tenuto dal Comandante del 3° Stormo, Colonnello Francesco De Simone, sono state illustrate ai partecipanti e alle personalità presenti, tra le quali il Sottosegretario alla Difesa, Onorevole Angelo Tofalo, il Capo Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Alberto Rosso, il Comandante Logistico, Generale di Squadra Aerea Giovanni Fantuzzi, il Prefetto di Verona, S.E. Donato Giovanni Cafagna, e il Sindaco di Villafranca, Roberto Luca Dall’Oca, le fasi addestrative in atto, in un contesto altamente operativo allestito sul sedime della base di Caluri. Durante il suo intervento il Capo di Stato Maggiore ha sottolineato “l’importanza di collaborare in
ambito multinazionale per condividere le esperienze e le competenze acquisite in un settore che, sotto certi aspetti, può trovare impiego anche per la collettività in caso di emergenze con lo spirito di essere sempre più utili al Paese”. Il Sottosegretario alla Difesa a sua volta ha fatto riferimento alle capacità “che, nelle emergenze territoriali e nazionali, vengono messe in campo dalle nostre Forze Armate per supportare gli apparati statali come il Ministero della Salute, le Prefetture, la Protezione Civile, i Vigili del Fuoco, 118.”

Dimostrazioni su un caccia proveniente da un’area contaminata

Nelle dimostrazioni dinamiche, team di specialisti CBRN Air sono intervenuti su un caccia proveniente da un’area contaminata effettuando la bonifica in tempi rapidi secondo le procedure operative NATO. La fase successiva ha previsto l’intervento su un ferito infetto che è stato
trasportato nella Contaminated Control Area Medica (CCA MED) per la stabilizzazione sanitaria e la decontaminazione. Un’ulteriore fase della dimostrazione è stata infine il trattamento di colli trasportati da un C27J proveniente da un Teatro Operativo degradato CBRN. Gli ospiti, nella zona appositamente allestita con una “Industry Area Exposition”, hanno potuto prendere visione delle innovazioni tecnologiche e dei progressi raggiunti nella ricerca di settore per contrastare eventi con agenti contaminanti, sempre secondo una logica “dual use” ossia con la possibilità di impiego non limitata ai compiti peculiari delle Forze Armate, ma pensata anche per la sicurezza e la tutela del cittadino in caso di incidenti, catastrofi naturali o pandemie.

Leggi anche:  Vigili del Fuoco: esercitazione con nuovi liquidi schiumogeni

Simulazione di trasporto di un paziente in bio-contenimento

La giornata, infine, ha visto anche la simulazione di un trasporto a bordo di un velivolo di un paziente in bio-contenimento da parte di un’equipe formata da specialisti italiani e inglesi, sotto la direzione del personale dell’Infermeria Principale di Pratica di Mare. Il carattere distintivo della Toxic Trip 2019 sta nel creare un’occasione di confronto tra gli operatori di settore e di addestramento congiunto per fronteggiare situazioni di emergenza, in un contesto multinazionale ed interforze, al fine di condividere le procedure operative tra tutti gli
stati membri della coalizione incrementando, pertanto, il livello di interoperabilità. Questa esercitazione ha dimostrato ancora una volta che la NATO è sempre pronta e in grado di difendere alleati e partner dalle minacce CBRN.